Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI AMATORI    

Edizione provinciale di Treviso


Anticipo di Carlino. Cjarlins Muzane-Liventina 45' st 1-1

Annullato al 44' st un gol (tap in) di Cassin sulla fiondata dal limite di Florean

Vai alla galleria

Nella foto: l'arbitro Valerio Giovani e i capitani.

Cjarlins Muzane-Liventina 1-1

Cjarlins Muzane: Calligaro, Zuliani****, Geromin**, Spetic, Guzzo, Dukjc, Piccolotto, Leonarduzzi,  Amodeo (18' st Moras), Migliorini (9' st Di Donisio), Smrtnik

In panchina: 12 Vidizzoni**, 13 Zossi*, 14 Mastracco****, 15 Ferretti,  17 Banini****

Allenatore: Luca Lugnan

Liventina: Peresson,  Cofini, Zamuner, Casella, Granzotto***, Gobbato**, Gullo** (14' st Cassin**), Carcuro (14' st Soncin), Sutto**, Fabbro (32' st Florean), Furlan

In panchina: 12 Bardella**, 14 Pastrello***, 16 Ferro***, 17 Zupperdoni**** Scantaburlo***, 19 Basei****

Allenatore: Marco Conte

Arbitro: Valerio Gioviani sez. di Termoli

Assistente n° 1: Marco Santarelli sez. di Ancona

Assistente n° 2: Giorgio De Lorenzi sez. di Parma

Reti: 5' st Migliorini, 20' st Calligaro autore 

Note. Pomeriggio soleggiato temperatura di 9 gradi, terreno in buone condizioni, spettatori 430 circa.

Ammoniti: Spetic e Furlan

Recupero: pt 1’ + st 4'

(*) under della gara: *'97, **'98, ***'99. ****2000, *****2001

Carlino (UD). Un pareggio privo di…sale. Parecchie le novità nell’ anticipo del sabato. A referto i due tecnici pescano sul sicuro con il Cjarlins che affida la protezione dei pali a Calligaro (ex Sacilese), la fase difensiva giostra intorno al trio Dukjc, Spetic e all’ex Union Feltre, Guzzo. In avanti Migliorini si prende la regia a sostegno dell’esordiente Giovanni Amodeo e di Smrtnik. La Liventina di Mauro Conte riporta tra i pali Peresson, Cofini rimpiazza lo squalificato Campaner, Zamuner si apposta al centro, mentre dalla cintola in su il sacrificato di turno è l’under Zupperdoni ceduto all’ Inter. Nell’undici titolare torna Gullo, rivelatosi fumoso e fuori dagli schemi. La Liventina lontano dalle mura del “Samassa” non può fallire l’appuntamento. Alla formazione bianco verde serve almeno un punto per mantenere la cadenza salvezza e non scivolare nella morsa delle due ultime posizioni che decretano la retrocessione. L’obiettivo dei trevigiani  è reggere gli “strappi” delle concorrenti impegnate a contendersi i quattro posti del playout. Il Cjarlins ridisegnato da nove uscite dal gruppo, l’ultima di Frezza, ex Careni/Pievigina passato al Brian Precenicco, fa valere la presenta al centro dell’attacco di Giovanni Amodeo. La partita a risultato acquisito ha lasciato parecchio a desiderare e tra gli addetti ai lavori, in molti hanno storto il naso e manifestato l’insoddisfazione. Poco gioco, fraseggio approssimativo e qualche malinteso nell’occupare gli spazi, non hanno fatto felice il pubblico presente, una discreta cornice assiepata in una tribuna da serie inferiori. La formazione di Conte sul manto molto soffice inizia in crescendo e nello spazio di 120” è l’ex Fabbro a cercare il gol della “vendetta” con una diagonale a mezza altezza e al 6’ con un collo destro basso che l’esperto Calligaro arpiona a terra. E’ un Cjarlins che nella fase iniziale non si espone. L’undici di Lugnan con i “lunghi” Spetic e Dukjc bada ad arginare l’avanzata bianco verde a puntare sui rilanci e costruire i pericoli in prossimità dei sedici metri trevigiani sulle “spizzate ed Amodeo e sul movimento di Smrtnik che gira molto al largo nel confronto fisico con Cofini. Il match seguito con particolare attenzione, sminuzza le emozioni in tempi molto dilatati. Dopo una paio di tentativi degli oranje che Peresson sventa in anticipo e in uscita (foto) è Leonarduzzi a scoccare il primo vero tiro verso la porta, in interno sinistro d’incontro che Peresson blocca facile a terra. Un parziale agonismo con qualche intervento fuori tempo invita Giovani (sufficiente la sua direzione) a richiamare i protagonisti a muso muro. Ma quando non c’è una trama di gioco anche l’arbitro va nel pallone…

Ripresa. Al 5’ il Cjarlins su palla inattiva dalla trequarti abbozza il primo traversone, sul taglio indirizzato sul secondo palo Amodeo sale in cielo, con la nuca allunga la traiettoria sul movimento alle spalle di Migliorini che di mezzo volo in area di porta fa secco Peresson. Il gol ha l’effetto di un sonnifero nell’atteggiamento tatico del Cjarlins che si ritira e cede il pallino del gioco ai bianco verdi. Al 20’ a forza di cozzare sui solidi Spetic, Guzzo (un paio di liberazioni dell’ex Union Ripa, sono finiti nella vicina campagna..) e Dukjc la band di Conte trova il gol con un ficcante destro di contro balzo radente il terreno di Casella, il cuoio picchia sulla faccia interna del palo alla destra di Calligaro incrocia sul palo opposto ma sbatte sulla schiena del portiere e l’autogol è inevitabile. Il pareggio premia lo sforzo della Liventina che spinge fino all’ultimo in forma confusa, senza trovare il pertugio buono. Nel finale una sassata dal limite di Florean non è trattenuta da Calligaro e Cassin realizza da sotto; infine girata di Florean fa gridare al gol con un pallone a scendere che esce di un palmo l’incrocio dei pali.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 16/12/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


















Mareno Gialloblù. Torna in auge un club che ha fatto la storia...

Nella foto a sx: il "direttore" Ennio Bazzichetto e mister Camillo. Radici profonde… Affievolitosi l’eco sui trascorsi de La Marenese sodalizio che negli anni 80 sfiorò il salto in serie D nello spareggio contro il Montello, il calcio a Mareno da diverse stagioni non figura nell&rsquo...leggi
24/08/2018




Prima categoria. Il Sant'Elena riparte dopo la salvezza ai playout

Anno calcistico 2018/19, il Sant’Elena Calcio apre la nuova stagione per il 4° anno di seguito in Prima categoria con rinnovato cauto entusiasmo e molta fiducia nel futuro campionato.Naturalmente dopo un difficile e combattuto campionato terminato nella stagione precedente con la sofferta salvezza, ottenuta grazie alla vittoria ...leggi
30/07/2018


Campolongo Conegliano. In Seconda categoria, non da meteora...

Nella foto: il presidene Doimo e mister Alessandro Girotto. Un raduno alla spicciolata con qualche ritardatario (il segnale che parecchi ragazzi sono nel pieno del lavoro), ma alle 20,17 il Campolongo Calcio si è ritrovato compatto per il primo “assaggio” dell’annata sportiva. A ricevere vecchi e...leggi
24/07/2018

Promozione D. E' una Lovis Spresiano, matura per il poker...

Nella foto: il diesse Voltarel, il presidente Zanatta, mister Fornasier e il vice presidente Lucchetta. Outsider? C’è qualcosa di più ambizioso nei programmi della Lovis Spresiano al quarto anno (centrò il salto di categoria il 3 Maggio 2015 con il +2 sulla Plavis) ai nastri de...leggi
20/07/2018


Portomansuè. L'happening con il sorriso e tanta ambizione...

Nella foto: l'intero gruppo biancoverde 2018-19. Era 1968, cinquant’anni fa…Con la benedizione del campo del futuro Papa Luciani nasceva sulle sponde del Livenza il Portobuffolè calcio. 50 anni e non sentirli. Una freschezza sportiva, rigenerata, che sprizza adrenalina e ambizione da quando 16 anni f...leggi
05/07/2018







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,95594 secondi