Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Belluno


Coppa Ita. Bertagno e Petdji sprecano dagli 11 metri. Vince il TN...

Vai alla galleria

Ital-Lenti Belluno 1905-Trento ( 0-0 ) 2-4 dcr.

Ital-Lenti BL (4-4-2): Pozzato***, Pellicanò, Visentin**, Sommacal, Mosca (34’ st Miniati); Masoch, Petdji, Quarzago**, Bertagno;  Corbanese, Marta Bettina*(15’ st Salvadego*)

In panchina: 12 Burigana***, 12 Burigana****, 13 Pedrini****, 14 Gava****, 15 Chiesa****, 16 Spencer*****, 17 Fiabane****, 20 Borgato*** 

Allenatore: Roberto Vecchiato

Trento (3-5-2): Russo; Romagna** (20’ st Cazzago**), Badjan, Kostadinovic; Sorbo (37’ st Zucchini), Selvatico (22’ st Bertaso*), Trevisan*** (22’ Furlan), Baronio**, Dragoni; Bertoldi (14’ st Bardelloni), Bosio

In panchina: 22 Conci***, 6 Scaglione, 17 Paoli, 23 Ferraglia

Allenatore: Claudio Rastelli

Arbitro: Simone Sfirro sez. di Reggio Emilia

Assistente n° 1: Alberto Amoroso sez. di Piacenza

Assistente n° 2: Lorenzo Concari sez. di Parma

Note. Pomeriggio uggioso, terreno acquitrinoso, temperatura di 18 gradi, spettatori 350 circa.

Ammoniti: Sorbo, Badian e Bertaso
Espulsi:

Recupero: pt 1’ st 4’

(*) under della gara: *’98, **’99, ***’00, ****’01, *****’02

Belluno. Esordio di coppa bagnato per l’Ital-Lenti di Roberto Vecchiato, oggi nei panni dell’ex contro il Trento. E’ un Belluno che a referto gara paga dazio per l’assenza di Dosso (infortunio), della punta Zigon con Miniati in panchina in fase di recupero fisico. Il tecnico gialloblù schiera dal 1’ l’ultimo innesto, il laterale Pellicanò, ex Venezia e AlbinoLeffe, nella linea a “quattro” con Visentin e Sommacal centrali. In mediana avanza Petdji (nelle amichevoli impiegato come regista di difesa) che completa il quadrilatero con Bertagno, Masoch e Quarzago. Sul fronte offensivo al fianco del “cobra” Corbanese va a posizionarsi Marta Bettina. Il Trento premiato dal successo per 2-1 nel turno preliminare conto il Santk Georgen, al Polisportivo mischia le carte e tiene in panca il mediano Furlan e il trequartista di fascia Bardelloni. Mister Rastelli nel 3-5-2 assegna la leadership difensiva a Kostadinovic in torno al quale ruotano Badian e Romagna a destra. Centrocampo folto con Selvatico con funzioni di play, Trevisan a destra, mentre in avanti Bertoldi, ex Levico, agisce sul centro-sinistra con Bosio più accentrato nel ruolo di boa.

Partita inizialmente comandata dal Belluno che sciorina un palleggio incisivo con palle filtranti che costringono la difesa trentina a dei recuperi affannosi. Al 10’ il primo campanello d’allarme (calcio franco dai 22 metri) suona per la porta di Russo. Il piazzato di Bertagno è centrale, di facile la presa del portiere gialloblù che si accartoccia sulla sfera. Gioca compatto il Belluno e con linee strette e una batteria di difesa elastica e tempestiva nell’accorciare sul centrocampo. E’ sempre l’undici Vecchiato a far la partita. Il Trento costretto a girare al largo ispira i propri cursori e si diletta al cross dalle linee laterali. Il Belluno invece va al sodo con puntate che s’incuneano nell’imbuto centrale e al 13’ la legnata da trenta metri di Quarzago è arginata a pugni chiusi da Russo che devia il pallone sulla sinistra. E’ sempre il Belluno a fare la partita davanti a un Trento slow-motion. Al 30’ i padroni di casa sciupano un’altra palla-gol: impeccabile e illuminata l’imbeccata di Petdji nel cuore dell’area per l’impatto al volo di Marta Marta Bettina che si vede ribattere la deviazione a rete da Russo; sul pallone che danza nei sedici metri è il “cobra” a catapultarsi in spaccata sul pallone, ma la deviazione oltrepassa la trasversale. Scampato il pericolo, il Trento che gestisce da par suo un gara d’attesa al 36’ si apre uno spiraglio sulla destra: Romagna lavora un buon pallone di fisico, centra basso in area di porta e la girata da sotto di Bosio “spazzola” la traversa. I ragazzi di Vecchiato, ballerini nell’occasione tornano protagonisti. E’ sempre Pedji a imperversare sula corsia di destra. Al 37’ il “colored” pennella il traversone nell’area di porta, Corbanese si stacca dalla marcatura, sale in cielo in controtempo, ma la capocciata schiacciata a terra esce fiacca…Nel finale di frazione l’undici dolomitico ha a disposizione un’altra occasione per colpire, ma Mosca salito a rimorchio dell’azione è in ritardo per colpire.

Ripresa. Nessun cambio alla ripresa del gioco. Il Belluno 1905 è subito propositivo e la linea di sbarramento del Trento si schiera “cinque”. Ma dopo 120” la partita alimenta il torpore. Il gioco ristagna a centrocampo, l’azione del Belluno con il baricentro basso, smarrisce l’inerzia e il Trento, senza offrire nulla di emozionante (due traversoni uncinati in presa plastica da Pozzato) si adagia al nulla di fatto. Nel frattempo dopo 27’ di noia, sul Polisportivo compare l’arcobaleno, una fascia di luce multicolore che non corrisponde alla prestazione del campo, inconcludente e sbiadita. Si lotta con volontà, ma lo sforzo fisico prolungato dei 22 annebbia le idee. Affiorano gli errori nel controllo di palla e nelle conclusioni; emblematico il tiraccio di Mosca con lo specchio dei pali a disposizione al 32’. Finale di gara e mister Vecchiato inserisce (il tecnico annusa  calci di rigore?) per uno scampolo di gara Miniati che obbliga Pellicano a defilarsi sulla sinistra. Le vere emozioni nei 4’ del recupero. Al 48’ punizione arcuata e testa di Miniati, sulla traiettoria tagliata sul dischetto del rigore Corbanese attacca il cuoio e la deviazione sbatte sul palo; sulla respinta del legno si catapulta Petdji e la palla esce tra lo stupore del pubblico. Ma 1’ dopo sul ribaltamento del’azione il Trento attacca l’area di casa, per ben due volte la difesa dolomitica si oppone in maniera rocambolesca, al terzo tentativo di Dragoni (palombella indirizzata in porta) sulla linea a dare l’ultimo tocco è Bardelloni pescato in offside. Resta lo 0-0 e si va ai calci di rigore.

Bertagno inizia e manda oltre la traversa, Petdji si fa parare il rigore e Bardelloni, da ultimo firma il poker trentino.

Il Trento di mister Rastelli (poca cosa sul piano del gioco e dell'incisività sotto porta) accede al secondo turno.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 01/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




Juniores Nazionali. Domani gli ottavi con Modena-Union Feltre

Nella foto: il Modena Juniores Naz. fc. Modena. La final-four a vista…C’è il titolo e lo scudetto cucito sulle maglie della Reacanatese (in piena corsa per la riconferma) da conquistare. Modena-Union Feltre (gara di andata degli ottavi di finale), per l’undici di mister Capellaro è un biv...leggi
28/05/2019















Terza cat. a Nord-Est. Il primato non ha padrone. Juve in prima fila

Nella foto: mister Gorgogline tecnico dela Juventina Mugnai. La Terza categoria a Nord/Est. Riparte Belluno. Tolta la ruggine con la ripresa scandita dal trofeo “Dolomiti”, le 4 big che hanno guadagnato le semifinali  del torneo, puntano a aprirsi la strada che indirizza alla  Secon...leggi
28/02/2019












Ore 10,44. Celarda imbiancato. Cavarzano-Fiori Barp al rinvio...

Cavarzano-Fiori Barp l'anticipo della 1^ categoria G volge al rinvio. Emblematica la foto che evidenzia lo stato del terreno di gioco richiesto dal club ggiallorosso per ovviare all'impraticabilità del Camp-de-Nogher. Vista la neve caduta ieri pomeriggio, il manto sintetico del rettangolo di Anzù di Feltre (foto scattata pochi minuti...leggi
02/02/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,94308 secondi