Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI AMATORI    

Edizione provinciale di Treviso


Eccellenza B. Il CareniPieve interrompe il digiuno e affonda il TV...

Derby a tratti impalpabile deciso da uno svarione tattico della difesa bianco-celeste...

Vai alla galleria

Nella foto: il Careni Pievigina che si è aggiudicato il derby contro il Treviso.

Careni/Pievigina-Treviso 1-0

Careni/Pievigina: Sartorello, Damuzzo**, Moretti, Marco Frezza***, Francescon* (25’ st Canzian), Tibolla, Zanetti (40’ st Allegretti) Nicoletti, Janko* (28’ st De Zotti*), Scarabel, Alessio Frezza

In panchina: 12 Armellin***, 13 Segat****, 16 Meneghello***, 17 Favero***

Allenatore: Stefano Dalla Bella

Treviso: Rossetto, Pegoraro* (42’ st Livotto), Granzotto*, Stentardo, Canavessio, Capogrosso, De Marchi** (26’ st Corò***), Fiorotto*** (34’ st Guerra**), Garbujo, Antonio Baggio, Saitta

In panchina: 12 Dan****, 14 Lazzaro***, 16 Secco**, 18 Scarpa

Allenatore: Cristiano Graziano

Arbitro: Giovanni Tricarico sez. di Verona

Assistente n° 1: Ares Beggiato sez. di Schio

Assistente n° 2: Michele Botter sez. di Castelfranco Veneto

Reti: 17’ st Alessio Frezza

Note. Pomeriggio velato, temperatura di 19 gradi, terreno in buone condizioni, spettatori 400 circa con nutrito seguito dalla Marca.

Ammoniti: Tibolla, Antonio Baggio, Stentardo, Janko, Nicoletti, Scarabel

Recupero: pt 0’ st 6’

(***) *’98, **’99, ***’00, ****’01

Pieve di Soligo. Un derby povero di gioco e idee…Un derby piatto che il Careni al “D’Agostin”  ha fatto proprio da tradizione, ma incanalato alla vittoria solighese dall’inspiegabile black-out della biancoceleste (chi doveva seguire sul secondo palo l’entrata di Alessio Frezza?) che la fredda capocciata dell’attaccante di sinistra ha indirizzato nel sacco. E’ la stringata sintesi dei 90’ del “D’Agostin”. Nel prendere visione dei referti gara dell’anticipo dell’ Eccellenza B, c’è una parziale emergenza in casa solighese che piantona nell’infermeria un paio di ragazzi dell’under, oltre al centrale difensivo Marson. Scelte limitate e obbligate a referto anche per mister Graziano. I biancocelesti sono privi di un trio di elementi chiave nell’assetto tattico. In panca inoltre vanno a sedersi Livotto e Corò ai quali il tecnico biancoceleste preferisce nella distribuzione delle maglie agli under De Marchi e Fiorotto. In tribuna siede Djukic che sconta la squalifica. Saitta si prende la fascia sinistra con Garbujo vertice alto e “Tony” Baggio a rimorchio alle spalle. E’ un’ anticipo seguito da una discreta cornice di pubblico, ma non c’è la ressa al botteghino. Due gli ex della gara, il portiere Sartorello e il regista Nicoletti entrambi in casacca giallorossa.

Il derby dopo una parziale fase di studio offre una fiammata con la volè dalla media distanza di Scarabel che centra un compagno in offside. Il primo squillo nei sedici metri lo prepara dalla bandierina Baggio. Il pallone arcuato nel mucchio esce sulla sinistra per lo smarcato Canavessio che finalizza la conclusione ravvicinata tra le braccia dell’ex Sartorello (8’). E’ un derby che un quarto sonnecchia con la palla che ristagna sula mediana. Al 22’ s’accende il Careni sull’indecisione di Granzotto che a contrasto si rifugia in corner. Dalla bandierina il taglio di Scarabel indirizzato nei 5.50 è “spizzato” a liberare da Capogrosso centra la testa dell’arrembante Nicoletti che incorna il cuoio e esalta i riflessi di Rossetto. 1’ dopo è ancora il difensore mancino biancoceleste a tergiversare nel controllo della sfera, Granzotto si vede soffiare il pallone e dal cross indirizzato sull’asse dei sedici meri, la sforbiciata di Zanetti non concretizza l’esibizione acrobatica. Al 26’ il Treviso va in gol con Canavessio. Tutto nasce dal piazzato di Baggio; il pallone catapultato sul secondo palo scavalca Sartorello volo, il pallone nell’impatto con il legno è intercettato in uscita da Canavessio che apre il piattone va a segno. Sulla linea di porta a ostruire il cono visivo del portiere c’è un compagno di squadra che l’assistente Botter segnala e il veronese Tricarico giustamente invalida il gol per un evidente fuorigioco.

Ripresa. Apre il Treviso con la scorribanda di Baggio: il trequartista si sciroppa palla al piede una ventina di metri, serve palla destro sull’incroci di Garbujio e la conclusione in torsione è arginata con un plastico intervento da Sartorello. Evaporato il pericolo biancoceleste, il Careni riversa l’azione nella metà campo ospite e al 6’ ha la palla buona per incidere. Nicoletti arrivato al tiro in prossimità dell’area ritrae il piede e ammortizza l’impatto con l’avversario che gli fa perdere il gran tiro d’incontro. Al 9’ è Garbujo in girata bassa a strappare l’applauso del pubblico. Blocca Sartorello. Il Careni non demorde, ma si vede a sprazzi. Sono attacchi che inanellano una serie di corner e sul terzo calcio dalla bandierina della ripresa è Zanetti a scodellare un’invitante parabola che la difesa biancoceleste non controlla,perde la marcatura di Alessio Frezza che deposita il cuoio in assoluta tranquillità. Il Treviso è scosso e la “torcida” biancoceleste s’infervora e incita la squadra a reagire. Riscossa che scandisce al 21’ il giovanissimo Fiorotto: la legnata da posizione defilata è arginata da Sartorello a guantoni aperti. E’ una fiammata isolata perché il Treviso davanti alla “melina” e l palleggio sottoritmo del Careni non affonda il pressing. La partita si trascina al triplice fischio di Tricarico e dalle due panchine partono i cambi e l’ingresso in campo di Allegretti all’esordio a Pieve di Soligo e di Livotto.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 06/10/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



















Mareno Gialloblù. Torna in auge un club che ha fatto la storia...

Nella foto a sx: il "direttore" Ennio Bazzichetto e mister Camillo. Radici profonde… Affievolitosi l’eco sui trascorsi de La Marenese sodalizio che negli anni 80 sfiorò il salto in serie D nello spareggio contro il Montello, il calcio a Mareno da diverse stagioni non figura nell&rsquo...leggi
24/08/2018




Prima categoria. Il Sant'Elena riparte dopo la salvezza ai playout

Anno calcistico 2018/19, il Sant’Elena Calcio apre la nuova stagione per il 4° anno di seguito in Prima categoria con rinnovato cauto entusiasmo e molta fiducia nel futuro campionato.Naturalmente dopo un difficile e combattuto campionato terminato nella stagione precedente con la sofferta salvezza, ottenuta grazie alla vittoria ...leggi
30/07/2018


Campolongo Conegliano. In Seconda categoria, non da meteora...

Nella foto: il presidene Doimo e mister Alessandro Girotto. Un raduno alla spicciolata con qualche ritardatario (il segnale che parecchi ragazzi sono nel pieno del lavoro), ma alle 20,17 il Campolongo Calcio si è ritrovato compatto per il primo “assaggio” dell’annata sportiva. A ricevere vecchi e...leggi
24/07/2018

Promozione D. E' una Lovis Spresiano, matura per il poker...

Nella foto: il diesse Voltarel, il presidente Zanatta, mister Fornasier e il vice presidente Lucchetta. Outsider? C’è qualcosa di più ambizioso nei programmi della Lovis Spresiano al quarto anno (centrò il salto di categoria il 3 Maggio 2015 con il +2 sulla Plavis) ai nastri de...leggi
20/07/2018


Portomansuè. L'happening con il sorriso e tanta ambizione...

Nella foto: l'intero gruppo biancoverde 2018-19. Era 1968, cinquant’anni fa…Con la benedizione del campo del futuro Papa Luciani nasceva sulle sponde del Livenza il Portobuffolè calcio. 50 anni e non sentirli. Una freschezza sportiva, rigenerata, che sprizza adrenalina e ambizione da quando 16 anni f...leggi
05/07/2018






Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,03058 secondi