Storia: Feltrese Prealpi

LA NASCITA

A cavallo tra il 1909 e il 1910, dalla fusione di due società locali, la Studentesca e la Volontaria, nasce l’Associazione calcio Feltre. La prima maglia è a strisce orizzontali rosso-verdi e tali rimarranno i colori della Feltrese fino all’interruzione dovuta allo scoppio della Grande guerra.

 

(I pionieri della Feltrese in una foto di repertorio del 1911. Dall’alto a sinistra: Gustavo Cecchin, Attilio Martinelli, Remo Fachin, Rienzi Pinzon, Toni Nicolao, Primo Cervo. Seduti da sinistra: Mario Gherlanda, Corrado Borghi, Ettore Foresti, Silvano Fachin e Diogene Tisot.)
 
 
L´EPOCA FRA LE DUE GUERRE
 
Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale riesplode il calcio nella nostra cittadina, la squadra è seguitissima tanto è che nella stagione 1923/24 arriva a Feltre un giocatore che poi diventerà molto famoso con le maglie della Juventus e del Napoli, il suo nome è Antonio Vojak.
Da ricordare che per quasi dieci anni la società prenderà il nome di A.C. Mezzomo in onore di Gianvittore Mezzomo un ragazzo ucciso per motivi politici. Nel 1935/36 la societa´ tornerà a chiamarsi U.S. FELTRESE.
 
 

(Vojak Antonio Ha collezionato 208 presenze e 106 gol in Serie A, tuttora il massimo cannoniere della storia della storia del Napoli in Seria A)

 

IL DOPOGUERRA FINO ALLA FUSIONE CON LA PREALPI

Dopo la Seconda Guerra mondiale, nel 1946 parteciperà per due anni al campionato di Serie C e nella stagione 1957/58 partecipa al Campionato Nazionale Dilettanti nel Girone D.
Negli anni 60 arriva prima come giocatore e poi come allenatore una delle figure piu´ importanti che hanno segnato la storia dell´U.S. Feltrese, il grande Raoul Bortoletto ex giocatore tra le altre di Roma e Fiorentina. Portò la mentalità del grande calcio nell´ambiente feltrino e fece crescere molti giovani sotto di lui.
Al termine degli anni 70 fino a metà anni 80 arrivarono gli "anni bui" con la retrocessione da parte della squadra nel Campionato di Seconda Categoria e la permenenza in esso per alcuni anni, fino alla fusione col Prealpi nella stagione 1985/86.
 
 

(La Feltrese allenata da Bortoletto. Da sin in alto: All. Bortoletto, Achillea, Zucco, Carazzai, Maccagnan, Gasparo, Dall’Agnol, Mezzomo, mass. De Bortoli. Sotto: Primolan, Dal Zotto, Saccaro, Fent, Mione, Bertuol, Cecchet)

 
 
LA FUSIONE CON IL SEDICO CALCIO
 
Dopo essere salita fino alla Promozione la Feltrese rimane per anni in questa categoria perdendo due spareggi rispettivamente contro il Reschigliano e il Dolo, che gli avrebbero permesso di salire in Eccellenza. Nell´Estate del 1998 avviene però la fusione col Sedico Calcio che al tempo militava in Eccellenza, che permette ai granata di salire di categoria. La Feltrese da allora ad oggi militerà sempre in questa categoria, senza mai retrocedere o riuscire a salire per ben 15 anni. Nella stagione 2010/11 la Feltreseprealpi compie 100 anni e riceve dal Coni la stella al merito sportivo, riconoscenza che và alle società con storia centenaria.
 
 
 
(Una formazione degli Anni 2000: In alto a sinistra: Gottardo, Belardinelli, Gorza, Giazzon, Mores, Venturi, Toldo, acc. Mares. Seduti: acc. De Carli, Kovacs, Antoniol, Andreetta, De Carli, Tollardo, Tormen, all. Ridolfo, mass. Torresin. In ginocchio: Gheller, Dal Zotto, Bergamo, Fregona, Maset)