Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Verona


Lega Pro girone B. La capolista Pordenone sbanca Borgo Venezia...

Vai alla galleria

Nella foto: il gol dell'1-0 del Pordenone.

Virtus Vecomp-Pordenone 1-2

Virtus Vecomp: Chironi; Rossi, Sirignano, Trainotti (42’ st Manarin); Onescu, Manfrin (25’ st N’Zé), Gorico, Danieli (34’ st Rubbo, Grbac; Danti (25’ st Grandolfo), Nolè (34’ st Ferrara)

In panchina: 12 Sibi, 13 Pinton, 15 Maccarone, 18 Merci, 19 Fasolo, 22 Goh N’ Cede, 23 Giacomel

Allenatore: Gigi Fresco

Pordenone: Bindi, Semenzato, De Agostini, Stefani, Bassoli; Bombagi, Burrai, Ciurra (38’ st Rover), Misuraca (17’ st Berrettoni); Magnaghi (44’ st Vogliacco), Candellone

In panchina: 12 Lonoce, 13 Nardini, 16 Damian, 18 Meneghetti, 19 Frabotta, 20 Florio, 21Cotali

Allenatore: Attilio Tesser

Arbitro: Mele sez. di Torino

Assistenti: Perrelli e Dicosta

Reti: 7’ pt Magnaghi, 12’ Danti su rigore, 39’ st Berrettoni

Note. Serata fresca, temperatura di 3 gradi, terreno in ottime condizioni, spettatori 800 circa con una cinquantina di supporter nero-verdi

Ammoniti: Manfrin, Sirignano, Bassoli

Espulsi al 49' st Fasolo e mister Tesser

Recupero: pt 0’ st 4’

Verona (Borgo Venezia). Serve il tocco di classe e il Pordenone lo trova nel suo “Altafini”, Emanuel Berrettoni. E’ lui il matchwinner al “Gavagnin/Nocini” nella 22^ giornata di avvicinamento alla serie B del team del presidente Lovisa. Nel prendere nota del referto gara, mister Fresco presenta al fianco di Danti, un Nolè a tutta fascia e sacrifica Grandolfo. Nel Pordenone mister Tesser rispetta le gerarchie del gruppo e si tiene “caldo” Berettoni. Il Pordenone capolista forte di un vantaggio di 8 punti sui rivali regionali della Triestina è un ostacolo decisamente ostico per la truppa di Gigi Fresco impegnata a sfuggire alle tenaglie del playoff. La serata fresca esalta il brio di casa e l’aggressività esercitata dalla band di Tesser. La Vecomp nei minuti di introduzione abbozza due conclusioni fiacche verso i pali di Bindi e un pallone sfila davanti ai pali nero-verdi. Al 7’ sul primo ribaltamento dell’azione la capolista rompe gli indugi e va a segno: angolo di Burrai, stacco di Magnaghi alle spalle della difesa scaligera e la capocciata gonfia il sacco alle spalle di Chironi. Eì un Pordenone pratico, che sulla spinta del dinamico Bombagi si diletta nel palleggio stretto sfondando negli angusti spazi concessi dalla retroguardia di casa.  Candellone e Magnaghi rapidi nel puntare la lunetta dei sedici metri fanno valere una marcia in più nella rapidità sul breve e la difesa di casa in più occasione soffre la presenza dei due avanti nero-verdi. Al 20’ è un generoso pasticcio nella linea a”quattro” del Pordenone a spianare il cono della porta alla Vecomp che non sfrutta l’occasione.  Il Pordenone quando accelera incide con efficacia e poggia il proprio gioco sulla “boa” Candellone. Al 23’ palla-gol per i nero-verdi del Lemene: il suggerimento a uscire pesca in prossimità della lunetta dei sedici metri Bombagi  che scarica un preciso rasoterra e il cuoio va a colpire la base del montante alla sinistra di Chironi; sulla respinta è Magnaghi a insaccare, in netto offside. E’ un Pordenone che non bada a difendere l’esiguo vantaggio. La formazione friulana tiene costantemente il pallino del gioco, cerca spazio sui lati e con imbeccate filtranti mette sovente lo scompiglio nei sedici metri scaligeri. E’ un cliché che la Vecomp riesce a domare e coordinare a stento e l’azione presidia per l’intero finale di frazione la metà campo di casa. Il Pordenone offre un paio di giocate di riflesso con una girata alta di cannellone e un colpo di testa a fondo campo, ma dalla parte opposta Bindi se la passa in assoluta serenità. Riposo.

Il secondo tempo si apre al 2’ con un  piazzato di Bombagi arginato in tuffo sul rimo palo da Chironi. Superato di “riscaldamento” tattico la Vecomp alza il raggio dell’azione  e all’8’ va vicinissima al pareggio: cross basso dalla sinistra di Manfrin, la palla nel mezzo e Nolè, l’attaccante forse sorpreso da tanta manna, non approfitta e calcia d’istinto a fondo campo. Ribaltamento: al 10’ è Candellone a avere sul destro il colpo a ferire, ma la scivolata in recupero di Manfrin salva la porta di Chironi dalla capitolazione . Si gioca a campo aperto e al 12’ sull’avanzata palla al piede di Grbac, l’azione si defila sul lato mancino, Danti riceve e arcua di forza il cross, centra il braccio di Misurara e per il torinese Mele vicinissimo all’azione è calcio di rigore che lo stesso Danti trasforma di forza. Il gol smorza l’ardore agonistico dei nero-verdi che si aprono al confronto con i ragazzi di Fresco. E’ una Vecomp che approfitta del momento, ma ogni puntata picchia frontalmente al dispositivo friulano. Il Pordenone  cerca di conservare la calma e nel portare l’assalto ai pali rossoblù cerca di confezionare l’assist vincente sulle palle inattive. In fase di aggiramento e finalizzazione la capolista smarrisce l’inerzia e le conclusioni a rete sono puntualmente controllate da Chironi. Al 37’ incisiva giocata di Rossi: gran fendente del mediano e palla di due spanne sulla traversa. I cambi operati da Gigi Fresco non cambiano l’inerzia dell’azione e al 39’ sugli sviluppi di una palla contesa in mischia, la traiettoria bassa esce sul lato di destra dove emerge il fiuto di Berrettoni che piazza il rasoterra nell’angolono opposto. Il Pordenone indirizza così alla vittoria la gara del “Gavagnin/Nocini”che la Vecomp non meritava di perdere,  e consolida la posizione in vetta.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 22/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Serie D. Belluno-Ambrosiana 1-0: decide un eurogol di Simone Corbanese

Con un bellissimo gol del bomber Simone "Cobra" Corbanese (in foto), il Belluno si è imposto 1-0 sull'Ambrosiana, conquistando tre punti preziosi in ottica salvezza. Nel secondo tempo il capitano si coordina a centro area ed effettua una straordinaria rovesciata (cross di Masoch), diretta all'incroci...leggi
17/02/2020

Villafranca: si è dimesso mister Adami. In panchina ritorna Arioli

La società Villafranca Veronese comunica che il mister Giorgio Adami (in foto), dopo la sconfitta casalinga di ieri 2-1 nel derby contro il Vigasio, ha rassegnato le dimissioni dall'incarico di allenatore. Il gesto del mister è stato motivato per cercare di dare una scossa alla squadra e all'ambiente consapevo...leggi
03/02/2020








Eccellenza. L'Arcella sbatte contro i legni: 1-1 col S. Lucia Golosine

Una gara senza storia e a senso unico: l’Arcella pareggia 1-1 contro il Santa Lucia Golosine, ma è una beffa incredibile perchè in tutto il match i bianconeri sono stati fermati dalla sfortuna, colpendo ben sei legni, e dal portiere avversario.Già nel primo tempo (iniziato con 9′ di ritardo per alzare le po...leggi
16/12/2019

Serie D. Campodarsego in fuga: 3-0 al Legnago e +6 sulla seconda

Serie D, girone C, 16^ giornata Il Campodarsego vola, rifila un tris maestoso alla terza in classifica e allunga in vetta al girone C, per effetto anche della sconfitta del Cartigliano, ora a sei punti di distanza. Una partita in cui la formazione di Andreucci rischia in un primo tempo molto equilibrato, ma poi rulla l'a...leggi
02/12/2019

Eccellenza A. Porte troppo basse: Abano-S. Lucia Golosine non si gioca

Domenica ai limiti del paradossale per l’Abano, che non ha potuto disputare lo scontro diretto per la salvezza con il Santa Lucia Golosine per un problema relativo all’altezza delle porte del campo di Bresseo.Alla segnalazione della compagine ospite, l’arbitro ha provveduto a far misurare la ...leggi
04/11/2019

Serie D. Filippo Strada è un nuovo giocatore del Villafranca Veronese

La societa' Villafranca Veronese comunica di essersi assicurata le prestazioni di Filippo Strada, attaccante classe 1997, figlio d'arte di Pietro Strada, ex calciatore professionista con 426 presenze tra i professionisti e 71 reti. Lo ricordiamo in particolare nelle squadre di Reggiana e Parma allenate da Carlo Ancelotti e oggi Resp...leggi
25/10/2019



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04050 secondi