Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Le parole del presidente Ruzza in vista delle prossime decisioni

Su possibili promozioni e retrocessioni nei campionati regionali

All’indomani del Consiglio direttivo della Lega nazionale dilettanti, il presidente del Comitato regionale Veneto Giuseppe Ruzza (in foto) è intervenuto nella trasmissione “Gol in casa”, condotta da Alex Iuliano su Rete Veneta.

In basso il video di 16 minuti

Ruzza ha spiegato che la proposta della Lnd (non ancora ratificata dalla Figc) di far retrocedere le ultime 4 formazioni di ogni girone di Serie D, è dovuta al fatto che alla Serie C è stato chiesto di portare a termine la stagione sul campo. Ciò comporterà retrocessioni dalla C alla D, ma allo stesso tempo si vuole garantire la promozione delle prime classificate dei gironi di Eccellenza. Dunque, senza la sofferta opzione di 4 retrocessioni per girone, si rischierebbe una Serie D 2020/2021 con troppe società. A queste retrocesse dovrebbe essere consentito l’ingresso nella graduatoria dei ripescaggi.

Ora si dovrà decidere in merito ai campionati regionali. Dalle parole di Ruzza emerge che - sulla base delle classifiche di metà febbraio - verrà proposta la promozione della prima classificata di ogni girone. D'altro canto, sembra esserci qualche discussione in più sul fronte retrocessioni, anche se la maggioranza dei Comitati regionali (Veneto compreso) proporrebbe il blocco. Nella peggiore delle ipotesi, pare che a rischiare la retrocessione sia solo l’ultima classificata.

Ruzza ha inoltre fatto capire che i gironi dei campionati regionali 2020/2021 potrebbero essere allargati a 18 squadre, permettendo il salto di categoria a qualche società in più, e dunque non solo alle attuali prime classificate. I gironi di Seconda, invece, rimarrebbero a 16.

Per quanto riguarda le date, il presidente regionale ha affermato che il 3 giugno ci sarà il nuovo Consiglio federale Figc, e il 5 giugno il Consiglio direttivo Lnd. Capitolo ripresa: si spera per metà settembre, a maggior ragione se con gironi in sovrannumero. Ma ovviamente è difficilissimo fare previsioni sulle tempistiche legate al coronavirus.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 23/05/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,11611 secondi