Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Anche l'Eccellenza femminile in attesa. Ne parliamo con Paolo Tosetto

Domani il Consiglio Figc si pronuncerà sull'eventuale ripartenza

Nella foto: Paolo Tosetto, responsabile dell'attività femminile per il Comitato regionale Veneto.

Anche l’Eccellenza femminile attende il Consiglio Figc di domani per sapere se la stagione 2020/2021 ripartirà oppure no.
In Veneto il campionato è composto da un girone unico di 10 squadre, che nello scorso ottobre hanno fatto in tempo a disputare solo le prime due giornate.
La vincitrice sale in Serie C (da qui l’interesse nazionale) e la gestione spetta al Comitato regionale Veneto, pur essendoci la partecipazione anche del Prata di Pordenone. Le altre 9 formazioni sono Mittici (di Sernaglia), Villorba, Alba Borgo Roma, Gordige, Proioxis Legnago, Altivolese Maser, Virtus Padova, Keralpen Belluno e Maerne.

Probabilmente sbaglia chi crede che queste società non abbiano speranza di far fronte al rigido protocollo usato nei campionati nazionali della Lnd.
“La resilienza delle società del femminile è particolarmente alta, e lo dico con orgoglio”, afferma Paolo Tosetto, responsabile dell’attività per il Comitato regionale Veneto. “Esistono poche squadre e le distanze sono ampie, con trasferte in Friuli Venezia Giulia. Per certi versi le società del femminile sono più pronte di fronte alle difficoltà. Intanto vediamo cosa dirà il Consiglio Figc e le direttive in caso di ripartenza, ma dalle ultime riunioni online è emerso che un alto numero di società di Eccellenza – e addirittura di Promozione – hanno manifestato la volontà di proseguire. Nel maschile i costi di gestione per la squadra sono superiori rispetto al femminile, dove spesso si gioca quasi esclusivamente per passione. E questo aiuta quando ci sono situazioni complicate”.
“Per chi vuole giocare a calcio al femminile, non è così semplice come per i maschi. Quindi chi lo fa sul serio, ha una determinazione e una forza di volontà tali da trasmetterle ai dirigenti, e si tende a superare gli ostacoli”, ribadisce Tosetto.

Nonostante non abbia collegamenti con la Serie C, anche il campionato femminile di Promozione potrebbe nutrire una piccola possibilità di ripartenza. Anch’esso è di fatto interregionale, essendoci le pordenonesi SaroneCaneva e Nuova Virtus, inoltre ha soltanto 7 formazioni: le venete sono Villafranchese (Pd), Cadore (Vr), Casaleone (Vr), Carbonera (Tv) e Union Volta Roncaglia (Pd).

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 04/03/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,07675 secondi