Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Meno 4 al via! L'analisi di Antonio Paganin sul girone B di Eccellenza

"Calvi Noale, Bassano e Giorgione hanno qualcosa in più delle altre. Occhio ad Arcella e San Giorgio in Bosco"

Dopo aver analizzato il girone C di Eccellenza, oggi puntiamo i riflettori sul girone B. Per un commento sulle formazioni abbiamo contattato Antonio Paganin (nella foto), ex allenatore di Godigese, Campodarsego e Giorgione, oltre che ex giocatore dell’Inter.

Mister, chi vede in pole position per la vittoria finale?
“È un girone ben strutturato, con tre squadre che a mio avviso hanno qualcosa in più delle altre. Mi riferisco alla Calvi Noale, grazie a un buon mercato con l’arrivo dei vari Franciosi, Zane e Leonarduzzi che avevo a Campodarsego, al Bassano per l’ambizione della società e il mercato stesso, e al Giorgione che avrà il dente avvelenato dopo la promozione sfumata a Spinea”.

Quali le outsider?
“Ci sono sempre le possibili sorprese, in particolare l’Arcella che negli ultimi due anni ha fatto bene, e che ha allestito ancora una buonissima squadra. Conoscendo l’allenatore e l’ambiente, terrei in considerazione il San Giorgio in Bosco: è una piazza dove si può fare calcio in modo sereno, inoltre mi avevano impressionato positivamente nell’amichevole dell’anno scorso quando ero alla Godigese. Senza dimenticare che tra i loro rinforzi c'è Matteo Vigo”.

Come vede la lotta salvezza?
“Difficile fare previsioni. L’anno di astinenza calcistica dovuta al Covid può aver alterato degli equilibri, togliendo smalto ad alcuni giocatori. Oltretutto è un campionato anomalo con 14 società, quindi più corto. Mai come quest’anno sarà importante cominciare bene”.

Cosa pensa della sua ex Godigese?
“Ha cambiato guida tecnica e tanti giocatori. Mi fido comunque dell’ambiente, penso che puntino a un anno di transizione e consolidamento".

Ai nastri di partenza la neonata United Borgoricco Campetra.
“Non saprei dove collocarla in classifica. Conoscevo il Borgoricco, che nelle recenti stagioni si è ben comportato in Eccellenza. Trattandosi però di una fusione, non è mai facile oliare i meccanismi, soprattutto al primo anno, e dipende pure da chi prenderà il comando. Lo stesso discorso può valere, ad esempio, per la Dolomiti Bellunesi in Serie D”.

Abano e Albignasego?
“L’Abano è piuttosto giovane: se partisse col piede giusto, giocherebbe sulle ali dell’entusiasmo. Ha un allenatore che arriva da fuori regione, quindi immagino ambizioso ma che dovrà comprendere la realtà dell’Eccellenza veneta. L’Albignasego lotterà per mantenersi fuori dalla zona playout”.

Robeganese Salzano e Camisano?
“Entrambe hanno il vantaggio di aver disputato il mini campionato in primavera. Il Camisano del nuovo tecnico Sabbadin sulla carta ha qualcosa in più, conosco gente come Rej Volpato che ho allenato al Giorgione e Colman Castro al Campodarsego. Da capire le ambizioni societarie: ritengo che i vicentini possano navigare a ridosso dei playoff. Diciamo che il Camisano è un po’ la Fiorentina della Serie A”.

Pozzonovo, Academy Plateola e Scardovari?
“Il Pozzonovo forse è quella di cui ho meno informazioni: non so se il cambio di guida tecnica dopo molti anni sia interpretabile come un ridimensionamento, o se stiano aprendo a tutti gli effetti un nuovo ciclo con i pro e contro. Academy Plateola e Scardovari probabilmente punteranno a mantenere la categoria”.

Chi potrebbe vincere la classifica marcatori?
“Mi vengono in mente Antenucci e Fracaro del Bassano, che in questa categoria fanno la differenza. Ma anche Franciosi del Noale pur non essendo una punta vera. Oppure ancora Gashi del Giorgione e Volpato del Camisano”.

La rivedremo presto in panchina?
“Quest’anno non ho preso impegni in Eccellenza perché vorrei cimentarmi in Serie D, categoria che si sposa meglio con me in termini di programmazione, orari e mentalità. Ovviamente con il massimo rispetto per l’Eccellenza. Il mio augurio è che si possa vivere una stagione regolare, in grado di esprimere i valori delle squadre, lanciando molti giovani”.

La prima giornata di Eccellenza B
Academy Plateola - San Giorgio in Bosco
Albignasego - Robeganese Salzano
Arcella Padova - Bassano
Calvi Noale - Pozzonovo
Camisano - United Borgoricco Campetra
Giorgione - Abano
Scardovari - Godigese

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 15/09/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,04850 secondi