Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Edizione provinciale di Treviso


Quattro gol di Gasparini in 19' e il Ponzano rimonta dall'1-4 al 5-4

Promozione. Poker da urlo per il trequartista gialloverde contro il Noventa: "Nel secondo tempo sono rientrato in campo con una carica diversa. La squadra ha dimostrato grinta"

Vai alla galleria

Per il Ponzano si stava profilando l’ennesima sconfitta in Promozione: sul risultato di 1-4 all’inizio del secondo tempo, il match contro il Noventa sembrava infatti compromesso. Ma gli avversari non hanno fatto i conti con la giornata di grazia di Mattia Gasparini (foto), trequartista gialloverde, che nel giro di appena 19 minuti (dal 13’ al 32’ della ripresa) ha realizzato un poker di gol portando il Ponzano in vantaggio per 5-4, punteggio che non è più cambiato fino al triplice fischio finale. Primi tre punti in classifica per la squadra di mister Stancanelli e primo ko stagionale del Noventa.

«La nostra situazione stava diventando complicata dopo le prime tre sconfitte in campionato. A livello personale avevo la fame e la voglia di dare qualcosa in più, trasmettendo questa grinta ai compagni. Purtroppo la mia prestazione nel primo tempo non è stata delle migliori. All’intervallo l’allenatore era amareggiato con me, quindi sono rientrato in campo con una carica diversa: avevo il sangue agli occhi, non mi andava di tornare a casa con un altro ko», racconta Gasparini, classe 2001 di Scaltenigo, frazione di Mirano, ingaggiato dal direttore sportivo Michele Martini quest’estate dopo l’esperienza dell’anno scorso in Eccellenza con i padovani dell’Academy Plateola. A livello giovanile ha giocato nel Mestre e per un decennio nel Graticolato. Rapidità e tiro le sue principali abilità.

«È la prima volta che mi capita di segnare quattro gol nella stessa partita (ora è vice-capocannoniere del girone E dietro a Paolo Zanardo del Conegliano e Babacar Ndiaye della Julia Sagittania che hanno siglato 5 reti, ndr). Il più bello è stato il primo: la palla mi è giunta da sinistra, l’ho stoppata, me la sono portata sul destro e da fuori area ho calciato all’incrocio. Quello invece più simbolico è stato il terzo: a livello di agonismo mi è piaciuto molto perché ho rubato palla a un avversario calciandola in avanti, il terzino e il difensore centrale hanno rallentato mentre il portiere stava uscendo, e io ho continuato a correre per 50 metri di scatto fino a depositare il pallone in rete. Esteticamente non un bellissimo gol, ma ha rappresentato bene lo spirito e la grinta della squadra».

«Questa vittoria ci dà morale, adesso bisogna dare continuità ai risultati. Mercoledì andiamo a giocare a Favaro per i sedicesimi di finale del Trofeo Veneto, domenica invece affronteremo il Città di Paese che ci aveva battuto nella fase a gironi di Coppa: c’è voglia di rivincita», assicura Gasparini, «Non ho idoli o campioni a cui mi ispiro. Per me il calcio è puro divertimento, lo vivo in modo sereno».

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 11/10/2022
 

Altri articoli dalla provincia...












Serie D. Domani a Mestre riparte il cammino del Treviso

Riparte il campionato dopo la settimana di sosta per la Viareggio Cup e subito è tempo di un big match: al “Baracca” di Mestre sarà derby con i biancocelesti di Mister Florindo che ambiscono a proseguire la serie di risultati utili consecutivi che continua da 5 partite. Ad attenderli ci sarà il Mestre, ottavo in classifica con 31 pun...leggi
17/02/2024







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03611 secondi