Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Eccola la D. Ambizioni e timori e due flash abbaglianti a RO e VR...

Vai alla galleria

Nella foto: Roby Vecchiato. Il mr. dolomitico è il primo tecnico Veneto a sognare i 3 punti del 2017.

La galleria. Daniele Rocco quando indossava la maglia venata della Thermal Abano e il Delta Rovigo di avvio di stagione

Anteprima serie D, la 1^ di ritorno

Nel gruppo a Nord-Est il cartellone apre (allo start il girone C) con l’anticipo del sabato tra la matricola Cordenons e l’ Ital-Lenti Belluno 1905. Una gara indicativa per i gialloblù di Roberto Vecchiato impegnati ad allungare il divario dal pericolo playout. La trasferta nel pordenonese non è tra le più agevoli; il team di Massimo Mian dopo una partenza ad handicap ha infilato una serie di risultati lusinghieri e con 24 punti alla boa di metà percorso, i granata hanno messo le basi per arrivare quanto prima alla salvezza (occhio (!) Due anni fa il Fontanafredda virò a 27 e poi…). Denis Maccan e compagni all’ “Assi” sono imbattuti e non perdono a domicilio dalla prima esibizione interna stagionale (al “Bottecchia” di Pordenone). I granata recuperano dalla squalifica l’ex castellano Giacomazzi che sulla mediana rimpiazzerà lo squalificato Baruzzini. Nelle retrovie pordenonesi non ci sarà nemmeno l’aitante laterale sinistro Pederiva (1 turno di stop). Il primo turno del nuovo anno presenta parecchi confronti che investono i due opposti poli della classifica con  un poker di formazioni “out” chiamate a fare punti tra le mura domestiche. La prima è il Careni/Pievigina di Vinicio Bisioli incapace di fare bottino pieno dal 25 settembre (2-0 all’ Ital-Lenti Belluno 1905). Un impatto particolarmente ostico attende al varco Vito Antonelli all’esordio a “Busa” sulla panchina della Vigontina S. Paolo. Due i successi interni per i padovani e il colore biancoceleste di Montebelluna e Legnago sembra fare effetti … speciali. Il sobrio bianconero dell’ Altovicentino (andata 3-1 in favore del team di mr. Pagan) potrebbe finalmente mette le “corna del Toro” alla furente voglia di riscatto di Michelotto e compagni. Anche il “S. Vigilio” di Montebelluna, l’aria frizzante del Montello potrebbe giovare ai “coreani” di G. Franco Fonti penalizzati da 4 sconfitte filanti. Il mese di Dicembre in casa biancoceleste è da cancellare in fretta! L’Abano costruito da Luca Tiozzo è un complesso omogeneo, concreto, ma al centro dell’attacco non ci sarà il bomber Ferrante ceduto al Brescia. I nero-verdi non incappano nella sconfitta dal 30 ottobre (ko in casa contro l’Altovicentino), ma in trasferta la squadra ha dimostrato di avere i requisiti per imporsi e l’ultima sconfitta, l’unica in esterna, gli aponesi l’hanno subita a Cordenons (3-2 ) il 9 novembre.  Due gli 0-0 esterni a Verona e Belluno. La quarta formazione invischiata è l’Este e contro l’ArziChiampo di Paolo Beggio ci sarà la rimpatriata di parecchi ex a iniziare dal talentuoso e discontinuo Maldonado. In viaggio il Tamai di Stefano De Agostini che fuori dalle mura amiche non vince dallo scorso campionato e al “Sandrini” sarà una bella impresa conquistare punti incamerati solo dalla corsara Triestina il 25 settembre (4-2). Una trasferta da prendere con le pinze la dovrà affrontare la Calvi Noale: allo “Zugni Tauro “ di Feltre i ragazzi di Giovanni Soncin dovranno tenere a bada l’agile e spregiudicata band di “Bepe” Bianchini che ha messo a bilancio oro colato con l’impiego dei due giovani del 2000, Cossalter e Zoldak/Boschet entrambi in gol nel corso della stagione. L’Union Feltre sullo slancio dei risultati ottenuti in trasferta (ko a Abano) ha compensato i black-out interni patiti contro Mestre e Campodarsego. La Calvi quindi dovrà concentrare tute le forze sull’intensità e l’agonismo palesemente in ribasso dopo i scivoloni di Campodarsego e Cordenons. La partita che potrebbe fare saltare il banco si giocherà al Gavagnin /Nocini di Borgo Venezia a Verona. Virtus Vecomp-Mestre  s spiega nei numeri e nella concretezza dei due team. La Vecomp di Gigi Fresco in casa non si scioglie dal 30 ottobre (1-2 U. Feltre) e da allora ha inanellato 8 gare positive. A rafforzare il pronostico pro-Vecomp è la solidità di Gottardi che non incassa gol da 492’. Non gli è da meno la capolista arancio-nero. L’undici di Mauro Zironelli  ha infilato una striscia positiva di 13 turni e in viaggio l’unica smagliatura risale alla 4^ di andata la sconfitta per 2-0 a Campodarsego.  

Il programma della 1^ giornata di ritorno

Cordenons-Ital-Lenti Belluno X (anticipo sabato ore 14,30)

Careni/Pievigina-Triestina 2

Este-ArziChiampo 1-2

Legnago-Tamai  X-1

Union Feltre-Calvi Noale 1

Montebelluna-Abano 1-2 monte reduce da 4 scof,

Vigontina-Altovicentino X

Virtus Vecomp-Mestre X

Girone D

Il top della domenica lo vivranno gli sportivi del “Gabrielli” a Rovigo. Il rettangolo polesano ospiterà il match-primato tra il Delta Rovigo (32) di Carmine Parlato e il Lentigione di “Gian” Zattarin, ex trainer dell’Este che nell'occasione recupera dal lungo infortunio (stiramento muscolare) il bomber isontino Daniele Rocco ex UFM, Triestina, Thermal Abano e Imolese. 90’ sui quali si sintonizzerà la Correggese di mister Bagatti (ex Delta) che tifa per il pareggio per garantirsi il sorpasso e la conquista della leadership del girone D. Un marcato rilancio in proiezione alla salvezza conta di coronarlo l’ Adriese  che non assapora i tre punti dal 30 ottobre (1-0 al Ravenna). Ma è in campo esterno che i granata faticano a piazzare l’acuto: Giacomo Marangon e compagni non fanno il pieno dall’ 11 settembre, dal 2-0 firmato a S. Giovanni Valdarno (Sangiovannese). Poi tanto grigio… Stante le critiche posizioni di classifica delle nostre portacolori, il calcio regionale nella prossima annata dell’Eccellenza potrebbe ritrovarsi nel gruppo ben 5 club.

Castelvetro-Colligiana 1

Delta Rovigo-Colligiana X

Fiorenzuola-Poggibonsi 1-X

Mezzolara-Scandicci 1

Pianese-Correggese X-2

Ribelle-Adriese 1-2

Rignanese-Ravenna X

S. Donato Tav.-V. Castelfranco 1-X

Sangiovannese-Imolese X-2

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 04/01/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,65171 secondi