Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Anteprima serie D agli occhi e alle anticipazioni di mister Beggio...

Paolo Beggio dopo 15 anni si è goduto le vacanze ma ha sempre gli occhi sulla D...

Anteprima serie D curiosità del 2° turno

Analisi-bis. La serie D è pronta a scendere in campo per il 2° turno di andata e la nota su cui porre l’accento è il bilancio dei gol fatti, in netta crescita. Gol che hanno esaltato più protagonisti dell’area di rigore, ma a tirare il gruppo e la classifica, in ordine alfabetico, è Daniel Beccaro (2 gol), difensore del Campodarsego, tallonato dal “regale” Federico Furlan, cecchino principe lo scorso anno dell’ Eccellenza B. Nel rimarcare la prolificità della “prima”, sono 29 i palloni finiti nel sacco. Un picco nel segno “+” dopo i 20 i centri  in bella mostra nel 2016, un regresso nel 2015 con 17 gol e un discreta stabilità nel 2014  (19) e nel 2013 con la bellezza di 20 hurrà. Una prima disamina sull’esito delle gare del 1° turno la condividiamo con Paolo Beggio ex trainer dell’ ArziChiampo.

Partiamo dall’atteso acuto al "Martelli" della Virtus Vecomp. “In molti non davano per scontata la vittoria dei ragazzi di Gigi Fresco, ma questa Virtus con l’arrivo di Danti, un grande interprete dell’area di rigore, ha piazzato un ottimo colpo di mercato. A Mantova (un cantiere aperto il club virgiliano) la Virtus ha fatto vedere di poter contare su un gruppo importante, con tante varianti tecniche e un ottimo portiere, “cattivo” tra i pali e ottimo “regista” nel guidare i movimenti della difesa”. Rilancia Beggio.. “ Le sorprese, in positivo, più di una, parecchie squadre però, hanno bucato… L’inizio di stagione riserva anche questi tranelli. Ci sono team che escono dalla preparazione, pesanti, con i carichi da smaltire e domenica hanno pure dovuto fare i conti con i giocatori appiedati dalle squalifiche del finale di stagione. Mi ha lasciato perplesso il passo falso dell’Este, ma ci sta. Sono convinto che questa squadra sarà una delle protagoniste più in la. Positiva giudico la prestazione del Legnago che nelle precedenti annate aveva sempre stentato pure in coppa. Il successo dei biancocelesti sul Tamai è un verdetto stimolante, anche se i friulani, che possiedono un buon organico, sono più temibili in casa loro. Ho testato l’ottima domenica dell’ Union Feltre, un complesso solido con giocatori di categoria, smaliziati e di elevata fisicità. Dall’Adriese mi sarei aspettato qualche giocata di”prestigio” per non naufragare nei primi 90’. Nemmeno l’altra polesana, il Delta,  ha brillato. Una macchia nel ripresentarsi al pubblico di casa, che dovrà prontamente riscattare a Abano. Il Belluno sulla carta era un avversario scomodo, collaudato; l’ingresso poi di Daniele Rocco, attaccante che garantisce un bottino in doppia cifra, l’ha reso ancora più incisivo e potente. Non mi ha sorpreso l’acuto dei ragazzi di Baldi”.  Sul mezzo passo falso dell’ArziChiampo come ti pronunci?

Dai più era atteso alla vittoria, ma la giornata e il campo ne hanno condizionato la prestazione. Vedremo da domenica con i terreni asciutti quale sarà il proprio target nel cercare  spazio tra le “grandi” del torneo. Il Cjarlins però va lodato e con la grinta messa in mostra la formazione di Lugnan si è presentata in categoria con  giusti requisiti: un’ ottima preparazione atletica, il coraggio di osare e non mollare fino al 90’ e poi in attacco contano su frecce di categoria come Roveretto e Fabbro. Dal cerchio non escludo le prestazioni della Calvi Noale che conta su due ragazzi, Bernasconi e Tonani in grado di portare un grosso contributo di gol. Ci tengo a spendere una parola per Tonani, un ragazzo giovane che ho avuto in organico, di prospettiva e con ampi margini di miglioramento. Le matricole invece dovranno sudarsela la salvezza. L’Ambrosiana ha pagato dazio a Campodarsego, ma domenica al Montidon, sono sicuro, farà valere il fattore campo perchè giocare da loro è sempre difficile. E alle spalle c’è una garanzia, Friggi, l’ex. Il derby trevigiano lo vedo molto aperto, ma i risultati conseguiti domenica devono fare riflettere per  gol subiti.

 Il programma della donmenica              

Abano-Delta Porto Tolle X-2

Squalificato Enrico Gherardi saranno Jonathas Alessandro e l’ultimo arrivata dalla Correggese, l’estrema Pasi a formare la coppia d’attacco.

Adriese-Este 1-2

C’ è grande voglia di riscatto in entrambi gli spogliatoi. Adriese e Este si sono misurare a ranghi ridotti nel triangolare di Castelbaldo, ma i 3 punti del campionato saranno fondamentale per non alimentare le critiche.

Ambrosiana-ArziChiampo X-2

L’”Ambro” al Montidon cercherà di cancellare la contratta prestazione di Campodarsego e quindi ecco l’occasione di togliersi il timore del noviziato. Davanti a un “Arzi” palleggiatore, i rossoneri non dovranno farsi accecare  attirare nella ragnatela vicentina… L’ultimo confronto risale al 16 febbraio ’14  e la gara terminò 1-1.

Montebelluna-Liventina 1-2

Il derby di Marca, una rivalità che spazia dal settore giovanile, invita il Monte a compiere il primo passo positivo. La Liventina avrà nella velocità e il contropiede di Furlan, l’arma letale per “pizzicare” la difesa biancoceleste. Le due rivali a “S. Vigilio” non si incontrano dap8 novembre ’15 e il verdetto di allora premiò gli ospiti per 2-1.

Cjarlins Muzane-Mantova X

E’ l’anticipo del sabato. Il Mantova in settimana ha fatto quadrato con nuovi innesti. Il Cjarlins Muzane in “trasferta” al Teghil” di Lignano, pedana del campionissimo della velocità, il giamaicano Maicol Bolton (sarà un rettangolo amico?) potrà far valere la fisicità del proprio complesso e la rapidità mostrata al suo ingresso al Dal Molin da Roveretto.

Clodiense/Chioggia-Campodarsego X-2

Clodiense e “Campo” a ranghi completi. Negli ospiti rientrano Lenarduzzi e all’attacco Kabine. Mister De Mozzi, squalificato, seguirà la gara aggrappato alla rete.

Ital-Lenti Belluno 1905-Legnago 1

Al Polisportivo “atto primo” tra leader. I gialloblù in smaglianti condizioni, mettono sul tavolo un paio di verdetti-pro contro i biancocelesti di mr. Speziale. Sono il 3-1 del 23  novembre ’14 e l’1-1 del 18 settembre 2016.

Tamai-Union Feltre X

Ocio” all’Union. In casa tamaiota l’undici bellunese ha puntualmente fatto bottino, pure in coppa Italia (1-0 Tomasi) qualche stagione fa. I biancorossi di mr. Bisioli, non possono concedersi altri lussi, ma la tradizione spinge verso i verde-amaranto. All’ 1-1 del 3 novembre ’13, all’ 1-0 del 15 marzo ’14 e al pareggio (0-0) del 17 gennaio ’15, c’è un rovescio della medaglia che le “furie” hanno invertito con l’1-0 del 29 gennaio scorso.

Virtus Vecomp-Calvi Noale 1-X

Al “Gavagnin/Nocini” la Vecomp proverà a confermare l’ottima prova di Mantova, ma la compatta band di “Giò” Soncin ha la forza per rendere ardua la prestazione dei rossoblù. La Calvi Noale nelle retrovie dovrà duellare con la fisicità di Trinchieri… I verdetti del campo non danno scampo con due 1-0. Il 10 ottobre 2015 e i 27 novembre 2016.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 07/09/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,65082 secondi