Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Eccellenza A & B, la 14.a giornata. Treviso una piazza da Lupi?

Il team di Cunico incrocia l'under biancoceleste; Vigasio e Arcella per sfuggire al Caldierio

Nella foto: il Treviso (archivio) totalmente stravolto in poco più di un mese.

Lipi con fame da primato e con obiettivo la D; bianco-celesti affamati di punti salvezza.

Anteprima Eccellenza  A & B la 14^ di andata

Gol & gol, un’emozione d’Eccellenza, che fa la differenza… Nel tirare le somme a 180’ dalla boa, i due gironi regionali riflettono allo specchio un marcato differenziale di palloni scaraventati nella rete. E’ il girone B, una conferma scandita negli anni, a farla fa padrone. Sarà la potente economia messa sul piatto dai club a Nord/Est, società che sconfinano sul mercato e garantiscono l’opzione “pro” con tanto di alloggio a garantire lo spessore tecnico e il flusso di gol che prevalgono sul girone A dove gira e rigira, salvo i team di confine, sono di regola i “soliti noti” o i “riciclati” dalla Promozione a impreziosire le batterie offensive. Il girone B a due gare dalla sosta natalizia si gode il picco annuale di gol (33) incasellati nella 7^ e 8^ giornata e si prende l’onere del minimo stagionale con 16 centri alla 4^ tornata dove 9 dei 16 sodalizi in campo sono rimasti all’asciutto. Nel riassumere, nei 2340’ scanditi da 580 perle (4,3 gol a gara), il girone A offre uno score di 278 gol; il bottino fornito dal girone B tocca quota 302. Acuto di rilievo l’ 1-7 dell’ Arcella a Valgatara. La panoramica settimanale regala la copertina a Team S. Lucia-Vigasio  e al derby Sona calcio-Garda (girone A); nel girone B salgono agli onori il derby mestrino Calvi Noale-Mestre, l’appetitoso test collinare nel Soligo in programma al “D’ Agostin” tra il CareniPievigina-Union QDP e un Tombolo/Vigontina-Vittorio Veneto che peserà nella gestione del traguardo out.

Nel girone A la sosta del Caldiero Terme potrebbe favorire l’allungo di Vigasio e Arcella. In due a fare da lepre, per il team di Cristian Soave sarà dura tenere il passo. Brilla nella 14^ Borgoricco-S. Giovanni Lupatoto con i padovani di Alessandro Bertan (sconfitti in casa solo dal Garda 3-2) proiettati al raggiungimento della zona playoff. L’undici lupatotino rinfrancato dai 6 punti incamerati in 180’ ha imboccato la strada della risalita. Una partita da gestire con pazienza per Scappin e compagni. L’Arcella di Davide Tentoni sorretta da 4 affermazioni esterne viaggerà verso Caldogno con l’imperativo di suggellare la “manita”. La Calidonense tra le mura domestiche ha palesato gli alti e bassi delle matricole lascando per strada 10 punti dei 18 disponibili. Da seguire Valbrenta-Montecchio Maggiore. I ragazzi di mr. Davide De Forni a S. Nazario si porteranno nella sacca la solidità esterna con 3 “ics” e due vittorie, ma parte delle risorse i biancorossi contano di sprigionarle mercoledì prossimo al “Baracca” contro il Mestre nella semifinale-bis di Coppa Italia. Il Valbrenta è pronto ad approfittarne per consolidare la posizione “off”. Una risorsa i tre punti in palio tra Pozzonovo e Belfiorese avversarie lo scorso 6 gennaio nella finale di Coppa Italia Regione. Prevalse l’undici di Roberto Maschi con il rigore di Franco Ballarini ora al Dro Alto/Garda. Il campionato ha raccolto lo 0-0 della passata edizione, un punto che domenica servirà poco. Il rilancio dell’ Abano passa per S. Martinobuonalbergo. Lo Speme in casa è un cliente tosto e lo motivano il 3+3 che ha fruttato 12 punti e la solidità casalinga che i nero-verdi aponesi contano di abbattere. Sona-Garda per curiosità e intensità è la sfida che più affascina. Il Sona rinforzato da Oliveira (ex Pordenone, Delta P. Tolle e Matelica) arrivato dall’ Ambrosiana ha inserito un velocista sulla fascia mancina, ma chi tra Dos Santos, Pereira, Marchetti e Oliveira farà filtro? Il Garda nelle ultime giornate ha mostrato una discreta efficienza e ha dalla sua la tradizione: due acuti di misura: 10 gennaio ’16 e 19 marzo ’17. L’asticella s’impenna con Team S. L.-Vigasio. La disparita di punti è evidente, ma il campo di casa in questa stagione è un punto di forza del Team. I trascorsi segnalano lo 0-4 del 21 febbraio ’16 e la rivalsa con il 2-1 del 10 ottobre ’17. Completa il quadro Valgatara-Piovese. L’undici di Jordy Ferrari ha l’occasione di rimpinguare la classifica, ma la “Piove” con il ritorno in regia del compassato Salmaso campione d’Italia jr (sconfitta la Vigor Perconti Roma), quattro stagioni fa, ha inserito forza fisica e centimetri sulla mediana.

Nel girone B torna a danzare la Luparense in visita al Tenni per mettere i sigilli sulla vittoria n° 11. Turno d’esame per il Careni/Pieve davanti al coriaceo Union QDP. Le ultime danno vincenti i giallorossi forti del 3-2 del 14 settembre ’14 e il 2-1 del 10 settembre 17. Partite giocate col coltello tra i denti. L’ambizione pinta l’indice sul “Giol” a S. Polo di Piave. Il Lia Piave messi a dimora i tre punti del “Barison”, un 2-1 sofferto, punta a inchiodare l’ Union Pro che in caso di sbandata uscirebbe larga dalla griglia del playoff, una distanza stabilita dalla “forbice” su Mestre e S.G.S. Sfumato l’anticipo tra Nervesa e Istrana (una questione di campanilismo alla faccia delle difficoltà?), il confronto al “Gipo Viani” assegna un netto favore ai padroni di casa. Il Nervesa non si piega da un decennio e le ultime 4 gare hanno visto i biancocelesti affermarsi il 19 ott. 2014 (2-0), il 26 marzo ’16 (2-1), impattando sul 2-2 e sull’1-1 il match del febbraio 2017 e 2018. Su e giù…Un sali-scendi che traccia l‘ambizione di Portomansuè-S. Giorgio/Sedico. L’unico messaggio che rende forte la formazione di Bruno Gava è la vittoria del 5 marzo (al timone Alessandro Ferro) 2017, timbrata dall’1-2 finale. Real per togliersi d’impicco dal playout; Vittorio Veneto per non mordersi la coda. I gialloblù di “Checco” Cominotto ha la ghiotta occasione per compiere tre balzi avanti e portare a +7 il vantaggio sulla retrocessione diretta. La tradizione apre spiragli ottimistici con il 2-1 dell’8 ottobre ’15 e lo 0-0 del 18 marzo ’18. Il Vittorio Veneto è sui blocchi dalla 1^ di campionato, il successo su un Mestre allora un porto di mare… Chiude il cerchio Tombolo Vig.-Liventina. La formazione di Beppe Camparmò non potrà avvalersi del bomber Fusco in fase di recupero. E’ un Tombolo che non fa centro in casa dal 7 ottobre, il 2-1 (verdetto-pro, isolato) inflitto al Nervesa. La Liventina risalita la corrente e forte di 5 gare positive nelle ultime due uscite ha mantenuto inviolata la porta.

Girone A

Borgoricco-S. Giovanni Lup. 1-X

Calidonense-Arcella 2

Valbrenta-Montecchio Magg. 1-X

Pozzonovo-Belfiorese X

San Martino Speme-Abano X

Sona calcio-Garda X-2

Team S. Lucia-Vigasio X-2

Valgatara-Piovese 1-2

Riposa il Caldiero

Girone B

Calvi Noale-Mestre 1-2

Careni/Pieve-Union QDP X

Lia Piave-Union Pro 1-2

Nervesa-Istrana X

Portomansuè-Union S. Giorgio 1-2

Real Martellago-Vittorio Veneto 1

Tombolo/Vig.-Liventina X-2

Treviso-Luparense 2

Riposa il Giorgione 2000

Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 05/12/2018
Tempo esecuzione pagina: 0,73643 secondi