Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI AMATORI    

Epifania. Il carbone a chi in Marola-Montebello e Cerea-Valdalpone

Nei due club che aprono il 2019 è Pozzani la star con l'imbattibilità di 814'...

Nella foto: Simone Marocchio mister del Città di Cerea atteso allo scontro di vetta col ValdalponeRoncà.

La chiamata dell’ Epifania rimette in carreggiata anche la Prima categoria regionale che mette radici sul 2019.
In guardia. I tempi tecnici scandiscono la ripresa della cavalcata e le speranze (i turni in gioco) si assottigliano. Un solo club, lo Scardovari di Fabrizio Zuccarin, ha brindato a tutto tondo chiudendo da imbattuto la fase ascendente.
La 1^ carrellata del girone di ritorno esalta due sfide da primato: Città di Cerea (31)-Valdalpone/Roncà (29) nel girone C con il “Piccolo Toro” che si para davanti alla solidità (821’) del portiere Pozzani, e Marola (35)-Montebello (35), il Top, nel girone D.
Da non perdere di vista sempre nel girone D il match tra le outsider Due Stelle (28)-Rovigo (29) e nel girone E i 90’ che la capolista Curtarolese (33) svilupperà contro il ringhioso Nuovo Monselice (25) seguito a Curtarolo da una chiassosa cornice di supporter e determinato a ridurre la forbice dalla vetta.

Nel gettarsi a capofitto sulle prime schermaglie del nuovo anno nel girone A e in più gruppi balza agli occhi  la frenetica battaglia per evitare le forche caudine della retrocessione, magari dribblando in anticipo il playout. E’in questo labirinto che sguazzano un centinaio di sodalizi. La domenica nel primo torneo veronese proietta la capolista Pescantina/Settimo sul rettangolo del fanalino, la Croz Zai (andata 3-2) impalpabile tra le mura domestiche dove non vince da mesi. Le sfide più calde le riserva l’out (10 i club coinvolti, dal Calmasino 19 alla “maglia nera” C/Z…) e la bassa classifica. Valpolicella (18)-San Zeno (16) è il derby che farà oscillare la lancetta. I padroni di casa non inciampano in casa dal 18 novembre (0-2 dal C/Zai); l’ultimo acuto esterno fatto registrare dal Real risale al 9 dicembre, 1-0 a Parona raddoppiato dal 3-1 sul Concordia VR. L’andata ha visto prevalere il Real S. Zeno per 3-1, un punto di favore nei conteggi della futura classifica avulsa. Chi al momento galleggia ai margini del pericolo sono Montebaldina (18)-Real Grezzana/Lugo (19) un test non ammette distrazioni. Il Grezzana/Lugo in viaggio non assapora il boccone dei tre punti dal 7 ottobre, lo 0-1 al Real Lugagnano. Un buon messaggio per la Montebaldina/Consolini rinfrancata dai 7 punti ottenuti in  270’che non ruzzolata a domicilio il 25 novembre per mano del Pedemonte (2-1).
Curiosità... Scambio di favori in Valpolicella-Real S. Zeno. Al pareggio di 1-1 del 12 ottobre ’14, hanno fatto seguito l’impennata di casa (2-1, il 9 ottobre ’16) e il successivo rovescio (2-3) del 15 aprile ’18.

Nel girone B la partitissima di inizio anno si giocherà sul rettangolo del “Pelaloca” a Cerea (31). Il “Piccolo Toro” di mister Simone Marocchio, vola… I granata in serie positiva da 9 gare non marcano visita tra e mura di casa dallo scorso torneo, la sconfitta incasellata il 22 aprile al blitz della Pro Sambo. Il Valdalpone sempre atteso al salto di qualità, in trasferta ha masticato amaro a Sanguinetto, 2-1 il 25 novembre. L’altra capolista, il Montorio (31) ospiterà l’ Isola 1966, in agguato “off”. Tra le mura domestiche questi hanno concesso poco o nulla e la sua inviolabilità risale alla sconfitta per 1-2 rimediata il 28 gennaio dall’attacco del Real S. Zeno. In coda l’espressione massima del disagio la vivranno nello scontro diretto Pozzo (16)-Tregnago (11). I padroni di casa non centrano i tre punti dal 14 ottobre (2-0 al Sanguinetto). Sulla stessa carrozza siedono Zevio (16)-Valtramigna (12), la seconda sfida che richiama invoca i punto dell’out.. L’undici di Cazzago non piazza l’acuto esterno dal 18 ottobre, 2-1 a Tregnago.
Curiosità… ”Batti il cinque”. E’ l’ultimo verdetto sancito al “Pelaloca” l’11 marzo '18 con lo strepitoso blitz del Valdalpone. In pareggio (1-1) era finita Montorio-Isola del 18 gennaio, mentre nei bassi fondi il Tregnago spera di respirare nuovo ossigeno (1-2 il 3 dicembre ’17) a Pozzo.

Adrenalina pura nel girone C… Il clou dell’intera Prima categoria vedrà incrociarsi di spada le capolista Marola (35) e l'imbattuto in esterna, Montebello (35). Il precedente è datato 25 aprile ’18 e il campo decise per lo 0-0. Un segnale che stuzzica l’estremo biancorosso Scarsetto: il portiere del Montebello in trasferta non capitola agli attacchi avversari da 450’.
Da incorniciare anche la fotografia che Dueville (19) e Sovizzo (16) regalano al contenzioso salvezza. Tre sono i segnali che strillano a favore dell’ex Prix: il 2-2 dell’11 dicembre 2011, il roboante 6-0 del 4 maggio 2014 e la vittoria-bis (2-1 ) del 7 dicembre ’14.

Nel girone D la capolista Scardovari anticiperà sabato 5 a Codevigo, mentre le gare su cui soffermarsi sono i test che mettono del pepe nella lotta del playoff: Due Stelle e Rovigo e Borgo Veneto-Loreo scivolato in viaggio il 4 novembre (3-1).

Nel girone E già anticipata la gara di cartello a Curtarolo, sono i due poli della classifica a testare la gamba. Mira, Maserà e Grego Padova sulla carta hanno il destino segnato.

Nel girone F la partita più maschia la vivranno a Crespano del Grappa l’Eagles Pedemontana (15) e Bessica (18). C’è un nutrito segmento di incroci ad alimentare la rivalità e la rivalsa dell’undici del Grappa. Il bilancio parla a favore dei nero-verdi ospit. Apre il 2-3 del 26 settembre 2010. Stesso punteggio il 16 ottobre 2011, mitigato dal 2-2 del 3 novembre ’13. Un nuovo stop per l’ Eagles il 19 ottobre ‘14. L’impennata i ragazzi di Luca Sagrillo l’hanno concretizzata  il 1° novembre 2015, 1-0. In un girone dove il Bassano con l’andar del tempo farà il vuoto, ci sono nove sodalizi in cinque punti a spartirsi l’ambizioso playoff. Una chiara verifica da Fontanivese (25)- Carmenta (23) e Azz. Sandrigo (25)-Galliera V.ta (23).

Nel girone G sale sulla garitta il Cavarzano (38) con il fucile è puntato sul S. Lucia di Piave (16). I giallorossi di mr. Parteli abbattuti all’andata al “XXV Aprile” da un asfissiante 4-1 puntano a riscattare lo smacco al “Camp-de Nogher”. La storia annota una ricca frequenza di gol . L’inizio ricorda l’1-1 del 15 febbraio ’15. La forza casalinga dei giallorossi affiora l’11 ottobre ’15 con il 2-1 finale. Trevigiani corsari il 26 marzo ’17 con l’1-2 che il Cavarzano ha ribaltato il 17 settembre ’17 infilando l’undici del Piave per 4-1.
Precedenti animati anche in Vittsangiacomo (12)- 191 Cadore (13). Scossa o riscossa? Al “Luigi Polentes” è attesa la riscossa della band-Collodel dopo il 5-1 incassato quattro mesi fa dai calatini. Il passato contagiato da tre pareggi, mette in risalto l’1-2 incamerato nel 2008 dalla band dei Larcher.  Il 6-0 del 10 febbraio 2013, indicativo sul riscatto bianconero, ha raddrizzato la prua selle acque del Meschio.

Nel girone H che nel fondo ha creato una frattura, tiene banco il confronto Team Biancorossi (15)-Zero Branco (22). Da seguire il derby al “Pizzolon” tra Ponzano e S. Biagio e l’insidioso Ponte VrepaldoEraclea-Bibione in balia del playout.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 31/12/2018
Tempo esecuzione pagina: 0,73688 secondi