Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI AMATORI    

La D al decollo. Adriese apre le ali e volare sulla colomba pasquale

Nella foto: Giovanni Soncin. Il Sandonà è chiamato a scrollarsi il tabù vittoria.

Serie D la 18^ giornata, 1^ del girone di ritorno

Campioni d’Inverno… E’ il trampolino che… Lega al professionismo. L’Adriese, leader del girone C ci conta e spera di ritornarvi a distanza di 45 anni e più. La tabella promozione nelle ultime 15 edizioni ha tradito in solo due occasioni: nel 2004/5 con il Bassano Virtus che spodestò l’Itala S. Marco Gradisca di mr. Giuliano Zoratti e dal tandem-gol, Neto Pereira e Vosca e nel 2008/9, che vide i bresciani del Montichiari dell’emergente bomber Ferrari, svettare sull’Este, primo alla boa d’inverno con 44 punti.

A digiuno da un paio di settimane, il massimo torneo dilettantistico nazionale è pronto a ripartire con il rituale format delle nove gare in cartellone. I numeri, indice di rendimento dei vari club nel primo quadrimestre, testano gli alti e bassi in funzione della preparazione estiva e della turbolenza offerta dal via-vai scandito dal mercato.  Numeri in piccole dosi che elevano la solidità di due giovani portieri: Corasaniti ’99 dell’ Union Feltre imbattuto da 419’ e il bolzanino Weiss (V. Bolzano), solido in trasferta da 276’. Va inoltre segnalata la stabilità casalinga dell’ Union di Sandro Andreolla, allo “Zugni Tauro”, in alternativa al “Boscherai” di Pedavena. Il dito preme invece sul dicembre-nero del Sandonà, un trend negativo iniziato il 25 novembre con il black-out allo “Zanutto” contro il Chions di Sandro Lenisa uscito vincitore per 2-1. Il Comunale in riva al Piave non è infatti prodigo di successi: l’ultimo risale al 2-0 infilato il 21 ottobre alla Virtus Bolzano. C’è poi da dettagliare il trend esterno del Cjarlins Muzane, all’asciutto di acuti lontano da Carlino e l’assenza di vittorie interne del Tamai che non viola il proprio rettangolo dal 29 aprile ’18, il 2-1 immortalato contro il Belluno 1905.

Nel prendere spunto sulla 1^ di ritorno, ArziChiampo-Union Feltre, il test clou della “prima” a referto, evidenzia con i 14 punti racimolati, il claudicante cammino dei vicentini al “Dal Molin” (vittorie contro Clodiense, Monte e Cjarlins). L’undici di mr. Di Donato si auspica da subito un’inversione di rotta e i due precedenti, l’1-0 del 25 gennaio ’17 e il 2-1 del 26 novembre ’17 corroborano lo stato d’animo.

Belluno 1905-Cjarlins dovrà confermare la convincente ripresa dei giallo-blù di Roby Vecchiato (6 gare, 13 punti e gli ultimi 180’ giocati al Polisportivo senza subire gol). Il Cjarlins con 4 sconfitte e 4 pareggi si porta in dote ai piedi del Nevegal un gap esterno di 15 gol all’attivo e ben 19 finiti nella propria sacca. L’ex oranje Duravia, anticipa una gara offensiva e ricca di gol: la precedente del 17 novembre ’17 terminò sul 4-3.

Campodarsego-Virtus Bolzano. L’andata vide l’11 allora allenato da Antonio Paganin spuntarla al “Druso” per 2-0. Ora alla guida dei biancorossi c’è Tony Andreucci che si fregia di 5 turni di spessore, con una macchia da cancellare, la sconfitta al “Gabbiano”, il rovinoso 1-3 contro il Chions. La Virtus Don Bosco di mr. Sebastiani al pari dei friulani, alla boa sono spartiti la torta e i meriti delle matricole, infilando la bellezza di tre vittorie esterne.

Cartigliano-Trento. Al “Fair-play” si sfida il gelo del playout… Il Cartigliano non ha virato nel segno “+”, ma la squadra di Alessandro Ferronato, respira. Il filotto di prestazioni inanellato non è dei più lusinghieri (5 “ics” e una sconfitta) e la sola sortita ad effetto datata 4 novembre, il 3-0 alla “Clo”. Il Trento che in due anni di serie D ha cambiato più giocatori che i passeggeri transitati alla stazione di Toma Termini, in trasferta non ha mai incantato, risicando l’ultima vittoria su calcio di rigore in quel di Tamai (ex Roveretto). Intanto il mercato ha dirottato Alessio Zecchinato ai bresciani del Ciliverghe.

Clodiense-Adriese. Si rivolta la clessidra al “Ballarin”. La “Clo” puntellata in più punti del campo cercherà di accendere la luce sul proprio cammino costellato da 4 sconfitte e 1 pareggio. L’ultimo squillo granata risale al test casalingo (1-0) contro il Levico Terme del  23 settembre. L’Adriese passata per 3-4 lo scorso 4 febbraio conta di fare il bis, magari con l’ex Santi

Montebelluna-Este. Di fronte al”S. Vigilio” le outsider più altalenanti del playoff. I gol, pagati a peso d’oro, nei trascorsi non hanno fatto sobbalzare il pubblico presente un via Biagi, ma la formazione di “Checco” Feltrin mette sul tavolo due verdetti di 1-0: il 30 ottobre ’16 e il 18 febbraio scorso. I giallorossi di Nicola Zanini si fregiano dell’intero bottino timbrato il 10 febbraio ’16 (0-2).

Sandonà-Levico Terme è la seconda sfida che toglie l’ossigeno. I biancocelesti di Giovanni Soncin hanno l’obbligo di infrangere il tabù vittoria che latita dal 21 ottobre (2-0 alla Virtus Bolzano).

St. Georgen-Chions. Si giocherà sul sintetico di Brunico. Gli “jergina” hanno lasciato l’impronta casalinga contro ‘Este e  puntano a ripetersi. Il Chions in Alto Adige dal tardo pomeriggio di sabato dovrà adattarsi al campo e parare la forza biancorossa. In trsferta i gialloblù di Lenisa hanno dato prova di sostanza  e costanza con una striscia di 4 pareggi e una vittoria nelle ultime 5 trasferte. L’ultimo ko a Porto Tolle il  14 novembre. Assenti per squalifica: il centrale Brugger e nei friulani la “torre” Urbanetto.

Tamai-Delta Porto Tolle. E’ un Delta il salute. Le 3 vittorie e il pareggio cadenzato nel poker di gare giocate in dicembre (8 gol e 4 al passivo) hanno fatto impennate l’asticella a favore dei bianco celesti di Zattarin. L’ultimo confronto in casa tamaiota terminò a reti bianche, ma domenica con il ritorno e la presenza di Maccan e tra i polesani di Sottovia, Gherardi, Nobile e Traini, i gol saranno garantiti.

Girone B

Como-Ambrosiana. Fare breccia al “Sinigallia” per l’ Ambrosiana sarà un’impresa. I lariani nelle ultime 7 gare hanno subito 1 solo gol (3 in casa nell’intero girone di andata).

Rezzato-Villafranca. Proibitiva la trasferta a Rezzato per il “Villa” che di fronte si troverà il tandem offensivo Fabio Lauria e l’inossidabile granatiere Bruno. Bresciani solidissimi tra le mura domestiche anche se la Virtus Bergano (1-2) e il Villa d’ Almè (2-2) si sono presi i meriti sul campo.

Legnago-ScanzoR.  Al “Sandrini” non saranno ammessi tentennamenti. Contro i bergamaschi dello ScanzoRosciate i biancocelesti di mr. Pagan dovranno dare il 100% con l’imperativo di ribaltare l’avverso verdetto dell’ andata.  Scanzo-R. da prendere con le pinze confortato al commiato 2018 da un rullino esterno di tre pareggi e il successo sulla Virtus Bergamo.

Girone B

Como-Ambrosiana 1

Legnago-ScanzoRosciate X

Rezzato-Villafranca 1

Girone C

ArziChiampo-Union Feltre X

Belluno 1905-Cjarlins Muzane 1-2

Campodarsego-Virtus Bolzano 1

Cartigliano-Trento X

Clodiense/Chioggia-Adriese 2

Montebelluna-Este 1-X

Sandonà-Levico Terme 1-2

St. Georgen-Chions X

Tamai-Delta Porto Tolle X-2

Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 01/01/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,74383 secondi