Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Il calcio veneto dice NO alla violenza: gare al via con 15' di ritardo

Dall'Eccellenza in giù, nel prossimo turno sarà dato un segnale dopo i recenti fatti che hanno coinvolto alcuni arbitri

Vai alla galleria

La settimana scorsa tre arbitri impegnati nelle gare dei nostri campionati dilettantistici hanno terminato la propria domenica di sport in un Pronto Soccorso, vittime di vili aggressioni fisiche subite in occasione di tali gare.
Tutto il mondo del Calcio Veneto esprime la propria vicinanza affettuosa a questi tre giovani sportivi, certo di rivederli al più presto al loro posto nei campi di gioco, e a tutti gli arbitri, insostituibili ed indispensabili figure del nostro sport.
Ma questa volta non vogliamo limitarci alle parole, vogliamo fermare per un breve tempo – quindici minuti – l’inizio delle nostre gare (dall’Eccellenza fino alla 3° categoria, ma anche Juniores, settore giovanile, calcio a 5 e calcio Femminile) per avere la possibilità di trasmettere, in questo spazio di silenzio e riflessione, tre semplici messaggi che – ne siamo certi – sono già patrimonio condiviso dalla stragrande maggioranza dei protagonisti del Calcio Veneto, dirigenti, calciatori, allenatori e anche semplici tifosi:

- NO ad ogni forma di violenza: i nostri terreni di gioco vogliono essere liberi da violenze e discriminazioni! Devono rimanere esclusivamente luoghi di divertimento.
- NO, senza se e senza ma, alle aggressioni nei confronti degli ufficiali di gara: gli arbitri non si devono toccare!
- SI ai veri valori del calcio, dove la ricerca della vittoria – fine di ogni sport – deve essere accompagnata sempre dal rispetto dell’avversario e dalla accettazione della sconfitta e dell’errore.

Ci fermiamo oggi per dire “NO alla violenza” e per dare domani ai nostri giovani un calcio libero da ogni atto che contrasti con i valori veri dello Sport.

Le società sono invitate a leggere, prima delle gare, i tre punti evidenziati. In caso di impossibilità di lettura, sono invitate a distribuire in congruo numero copie dello stesso.

Comunicato congiunto firmato dal presidente del CRV Giuseppe Ruzza, e dal presidente degli arbitri veneti Dino Tommasi.

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 30/01/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,10205 secondi