Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Edizione provinciale di Treviso


Simone Depoliti racconta la sua esperienza nella massima serie lettone

Il nuovo allenatore del Ponzano (girone D di Promozione) ha lavorato con lo Spartaks Jurmala, in riva al Mar Baltico

Vai alla galleria

Nella foto a lato: Simone Depoliti in occasione dell'amichevole con l'Energy Cottbus in Germania.

Simone Depoliti (in foto), classe 1986 di Preganziol, da fine febbraio è il nuovo allenatore del Ponzano in Promozione. Ha alle spalle un'esperienza nella massima serie lettone, terminata ad un soffio dalla qualificazione alla prossima Europa League. Ecco come ci racconta il calcio sul Mar Baltico.

"La mia esperienza sul Mar Baltico nasce a gennaio 2019 quando l’allenatore italiano Nunzio Zavettieri (professionista esemplare con un passato nel Bari in Serie B e tanta Lega Pro al sud) mi chiama per chiedermi disponibilità a fargli da assistant coach nella sua nuova avventura alla guida dello Spartaks Jurmala, formazione militante nella massima divisione lettone.
L’approccio nella nuova realtà è subito positivo benché la classifica inizialmente non fosse delle migliori e il meteo la rispecchiava in pieno ma la voglia di migliorare della società (formata da una dirigenza giovanissima ma molto preparata e competente) e dei componenti dello staff tecnico era tanta e l’orologio non si guardava mai, la testa era solo rivolta ad una cosa, il campo e alla continua ricerca della cura del dettaglio.
La squadra era completamente nuova e anch’essa con una età media molto bassa con giocatori provenienti da moltissime nazioni diverse e, soprattutto, culture diverse.
Una volta trovato l’equilibrio tra i vari fattori (vita di campo, extracampo, alimentazione, mentalità) inizia la nostra risalita in classifica soprattutto nel mese di maggio dove la squadra e il mister vengono premiati rispettivamente come squadra e allenatore del mese, riconoscimento attribuito direttamente dalla Federcalcio lettone.
La possibilità per me di lavorare con professionisti di alto livello e alcuni veterani della rosa con un passato importante alle spalle (nazionali e competizioni europee) aumenta notevolmente il mio bagaglio tecnico e umano.
Il mio lavoro quotidiano consisteva nella gestione del dipartimento di metodologia tecnica e della preparazione audio video delle partite, in qualità di match analyst.
L’avventura all’estero non si è fermata solo nei confini territoriali lettoni poichè durante le soste campionato e pause nazionali (in Lettonia il campionato va da marzo a novembre e si osserva la pausa in inverno mentre in estate si gioca regolarmente) la società organizzava dei training camps e delle amichevoli internazionali di alto livello come in Polonia a Poznan contro Lech Poznan, in Germania contro una nobile decaduta come l’Energy Cottbus, a Mosca contro la Lokomotiv Mosca di Joao Mario (foto in galleria), in Svizzera contro FC Zurich e Servette, in Italia contro l’Udinese di Luca Gotti.
Le esperienze in campionato, le trasferte, sono state occasione anche per capire a fondo una cultura diversa dalla nostra, di un paese orgoglioso della propria identità e con una forte propensione allo sviluppo e alla crescita totalitaria.
Ad oggi, figlio di questa esperienza, le mie intenzioni sono di mantenere un profilo internazionale e le richieste pervenute da altre parti del mondo (Sudamerica soprattutto) mi tentano ma se si prospettasse la possibilità di costruire un progetto tecnico all’avanguardia per lo sviluppo calcistico del territorio, sicuramente lo prenderei in forte esame.
Nel frattempo, alla Lettonia e al meraviglioso blu del Mar Baltico, è solo un arrivederci alla prossima".

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 19/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Prima H. Un buon 2-2 con il Condor per la Gazzera Olimpia Chirignago

Inizia con il piede giusto l’avventura della Gazzera Olimpia Chirignago nel campionato di Prima categoria (girone H). A Treviso, contro il Condor, i ragazzi di mister Grigoletto riescono ad ottenere un buon 2 a 2, dopo aver rimontato l’iniziale vantaggio dei padroni di casa ed essere sta...leggi
21/09/2020



Serie C femminile. Oggi al via la Coppa Italia con 5 venete

Nella foto: Massimo Zoni, nuovo allenatore della Permac Vittorio Veneto. Dopo più di 6 mesi di stop forzato a causa dell’emergenza Covid, le società di Serie C femminile tornano in campo oggi - domenica 20 settembre - alle ore 15.30 per l'inizio della ...leggi
20/09/2020




Seconda girone P. Tanta voglia di ricominciare per il Casier Dosson

Ieri sera, nella splendida cornice del Parco dell’Osteria alla Sicilia - Casa Vian, è stata presentata la prima squadra dell’A.C. CasierDosson, partecipante al campionato di Seconda categoria girone P.Alla presenza del sindaco di Casier Renzo Carraretto, che ha inviato alla ...leggi
10/09/2020



C'è la stretta di mano tra Prodeco Montebelluna e la punta Lukanovic

In Serie D c’è la stretta di mano tra la Prodeco Montebelluna e la punta Antonio Lukanovic: la società biancoceleste è ora in attesa di perfezionare il tesseramento, in quanto il giocatore proviene da una federazione estera.Lukanovic arriva infatti dalla Croazia, ma ha alle spalle es...leggi
30/08/2020

Montebelluna: Massimiliano Silvestri a titolo definitivo all'Atalanta

La Prodeco Montebelluna ha comunicato che Massimiliano Silvestri, classe 2006, prodotto del vivaio di via Biagi, ha firmato il tesseramento definitivo con l’Atalanta. Ora avrà la grande possibilità di misurarsi con il calcio professionistico in una delle società più importanti ...leggi
26/08/2020


Mauro Conte, mister promozioni: 3 campionati vinti negli ultimi 5 anni

Con tre campionati vinti negli ultimi 5 anni, per Mauro Conte (nella foto) l’etichetta di “mister promozioni” non è affatto esagerata. Il tecnico di Vittorio Veneto, 50 anni, coneglianese di origine (fratello di Marco, DS del Montebelluna) nell’ultima stagione ha stravinto il girone D di Promo...leggi
24/08/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08560 secondi