Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Le dichiarazioni di Patrick Pitton in vista del Consiglio del 3 giugno

Il vicepresidente del Comitato regionale è intervenuto su Rete Veneta

Dopo le dichiarazioni di sabato scorso rilasciate dal presidente del Comitato Regionale Veneto Giuseppe Ruzza, sul futuro dei campionati regionali e sulle imminenti decisioni della Federazione si è espresso anche il vicepresidente vicario del CRV Patrick Pitton (in foto), intervenuto nella trasmissione calcistica di Rete Veneta condotta da Alex Iuliano.

In basso il video di 15 minuti

Nel ribadire che per le decisioni finali bisogna aspettare il Consiglio federale Figc del 3 giugno, Pitton ha confermato quanto detto due giorni fa da Ruzza in merito all'intenzione di allargare a 18 squadre (anziché 16) i gironi di Eccellenza, Promozione e Prima categoria 2020/2021, mentre la Seconda rimarrebbe a 16. Per quanto riguarda la Terza categoria, finché ci sono i numeri minimi si farà il possibile per mantenerla in vita.
Pitton ha ricordato la riduzione delle tempistiche per i ricorsi (aspetto che aiuterà la Federazione), inoltre ha detto che si cercherà di scontentare il minor numero di squadre: l'ipotesi più gettonata, dunque, è di promuovere la prima classificata di ogni girone, evitare le retrocessioni e creare una graduatoria di merito rivolta alle seconde classificate per gli eventuali ripescaggi ("calcolata con criteri ben precisi").
Il vicepresidente vicario del CRV ha parlato anche dell'ipotesi porte chiuse, dei settori giovanili e della crisi degli sponsor, accennando infine a un protocollo sanitario da studiare affinché possa essere sostenibile anche per i dilettanti.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 25/05/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,10539 secondi