Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Il 5 marzo è "l'ultimatum" per i campionati dalla Promozione in giù

Se uscisse un nuovo Dpcm contenente gli stessi divieti per un altro mese, probabilmente verrà sancita la chiusura definitiva della stagione 2020/2021. Su 63 questionari di Promozione, emerge comunque che le società contrarie alla ripartenza sono ben 49

Il 5 marzo - giorno di scadenza dell’attuale Dpcm - sarà di fatto un “ultimatum” per i campionati dalla Promozione in giù. Se fra meno di tre settimane uscisse un nuovo decreto contenente il blocco dell’attività regionale e provinciale per un altro mese (allenamenti di gruppo compresi), a quel punto è lecito pensare che il Comitato regionale Veneto, e più in generale la Lega nazionale dilettanti, ufficializzerà la chiusura definitiva della stagione 2020/2021, senza aspettare la scadenza del successivo Dpcm. Lo ha dichiarato il presidente del CRV Giuseppe Ruzza, ospite ieri sera nella trasmissione Lunedì in campo su Prima Free, precisando che si tratta di un parere personale e che dovrà discuterne anche con il Consiglio direttivo.
“Se gli allenamenti di gruppo venissero ulteriormente bloccati fino ad inizio aprile – osserva Ruzza – di fatto si andrebbe a maggio perché servirebbe almeno un mese di preparazione fisica complice il lungo stop. Pertanto, nel caso di un nuovo Dpcm che bloccasse l’attività, credo che verrà anticipata per forza la chiusura della stagione”.
Ricordiamo che l'Eccellenza spera invece nel jolly del "carattere nazionale".

Tra le altre cose, Ruzza ha affermato che dai questionari delle società di Promozione (63 quelli compilati), emerge che i “” per la ripartenza sono 14 e i “no” 49. Anche in Prima e Seconda categoria la maggioranza preferisce fermarsi, mentre in Terza ci sono più favorevoli alla ripresa (mancano da sentire solo i club di Treviso).

Il presidente ha inoltre precisato che almeno fino al 5 marzo l’obbligo dei tamponi è rivolto anche al settore giovanile.

Ecco il link per il video della puntata integrale. L'intervento del presidente sui temi qui citati è iniziato esattamente dopo un'ora >>> Clicca qui

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 16/02/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,07002 secondi