Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Campionati regionali: classifiche 2019/2020 decisive per i ripescaggi?

La prossima stagione potrebbe iniziare in ritardo, complici le deroghe per fusioni, cambi di denominazione e altre operazioni

Intervenuto stasera nella trasmissione "Sport in casa", condotta da Alex Iuliano su Rete Veneta, il presidente del Comitato regionale Giuseppe Ruzza (nella foto) ha parlato della fisionomia dei prossimi campionati regionali 2021/2022. Stagione che potrebbe iniziare in ritardo, complici le recenti deroghe della Federazione per la scadenza delle domande di fusione, cambi di denominazione, di sede e altre operazioni simili, che posticiperanno di circa tre settimane le iscrizioni.

Come noto sono ormai certi i gironi da 14 squadre in Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda categoria. Una scelta probabilmente necessaria, essendo i gironi da 18 troppo ampi sia per il rischio recuperi dovuti al Covid, sia per il paventato avvio posticipato della stagione. Inoltre è di fatto impossibile, ad esempio in Eccellenza, tornare già ora a due gironi da 16 formazioni, poiché vorrebbe dire farne retrocedere alcune d'ufficio.

Con il conseguente aumento del numero di gironi, per intenderci da due a tre in Eccellenza, saranno necessari dei ripescaggi. Con quali criteri? Questo è l'ostacolo più spinoso. Stando alle parole del presidente Ruzza, per avere dei criteri il più oggettivi e tecnico-sportivi possibili, e preso atto che la stagione attuale è stata annullata viste le pochissime partite giocate, per i ripescaggi potrebbero essere prese in considerazione le classifiche 2019/2020. Cioè quelle di un anno fa al momento della prima sospensione per il Covid (cristallizzate dopo due/terzi di stagione), tralasciando i club già promossi/ripescati all'epoca.

Si è inoltre intuito che il CRV agirà con maggior risolutezza e autonomia rispetto alla scorsa estate, quando optò per i gironi da 18 squadre in quanto votati da una larghissima parte delle società.

Ruzza ha parlato anche di aiuti economici per le società.

Il 5 giugno il presidente Figc Gabriele Gravina sarà in visita in Veneto.

Ecco il video della puntata:

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 21/05/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,09567 secondi