Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Edizione provinciale di Padova


Tribano sconfitto a tavolino, una gara a porte chiuse per il Granze

Pena sospesa per un anno alla società di casa, multata di 50 euro. Una settimana di inibizione al dirigente accompagnatore del Tribano, la squadra che ha lasciato il campo dopo un insulto razzista proveniente dagli spalti e rivolto a un proprio giocatore

Puntuali sono arrivate le decisioni del giudice sportivo di Padova dopo i fatti di Atletico Granze - Polisportiva Tribano, partita di Seconda categoria (girone N) sospesa nei minuti finali sul 3-3 per la scelta del Tribano di abbandonare il campo, in seguito a un insulto di stampo razzista proveniente da una persona sugli spalti e rivolti a un giocatore degli ospiti.

Come era prevedibile alla Polisportiva Tribano è stata comminata la sconfitta per 3-0 a tavolino, oltre all'inibizione di una settimana al dirigente accompagnatore della società.
Per l'Atletico Granze invece una gara a porte chiuse (pena tuttavia sospesa per un anno) e una multa di 50 euro.

Ecco la delibera completa

Risulta dal rapporto arbitrale che la gara in oggetto è stata sospesa al minuto 50° del 2° tempo sul punteggio di 3-3 in quanto la Polisportiva Tribano si è rifiutata di continuare la partita dopo che uno spettatore identificato come tifoso del Granze ha commentato un intervento falloso del giocatore Diedhou Moussa del Tribano con un epiteto di stampo razzista, il verso della scimmia, inequivocabilmente riferito al colore della sua pelle.
L’arbitro ha altresì precisato che l’epiteto razzista proveniva da un unico tifoso e che a seguito del fatto il capitano della Polisportiva Tribano gli ha comunicato che la sua squadra non intendeva proseguire la partita. Di qui la decisione di sospendere la gara.

L’arbitro ha poi segnalato che mentre si trovava negli spogliatoi si sono verificati disordini all’interno del campo di gioco che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, ma non essendo stato presente non è in grado di riferire le dinamiche e i protagonisti di tali disordini.

La decisione della Polisportiva Tribano di abbandonare il terreno di gioco a seguito del volgare commento di stampo razzista proveniente da un sostenitore del Granze, se può essere compreso dal punto di vista etico per la particolare aberrazione insita nel verso della scimmia (che rivela ignoranza della storia e totale mancanza del senso di umanità), non può però essere giustificato dal punto di vista della giustizia sportiva.

Il Codice di Giustizia sportiva, infatti, da alcuni anni contempla espressamente la fattispecie delle condotte a stampo razzista, denominate comportamenti discriminatori, e prevede per esse un sistema di sanzioni graduate a carico dei tesserati e delle società, le quali rispondono anche per i comportamenti del pubblico.
Sono queste sanzioni che devono essere applicate dal Giudice Sportivo quando si verificano episodi di intolleranza. Tali sanzioni, però, non possono essere forzate unilateralmente dalla società vittima degli episodi di discriminazione (circostanza che farebbe venire meno la certezza del diritto e che si presterebbe - anche se non è il caso della Polisportiva Tribano - a possibili abusi), ma devono essere comminate dal Giudice Sportivo sulla base di una valutazione globale delle circostanze.
A riprova di ciò, il Codice di Giustizia Sportiva prevede anche un sistema di esenzioni ed esimenti che escludono la responsabilità oggettiva delle società per i fatti dei loro sostenitori quando si tratta di prima violazione o quando i comportamenti lesivi degli stessi sono controbilanciati dall’adozione di modelli virtuosi da parte delle società. Sono tutte situazioni che compete di valutare al Giudice Sportivo, non alla società vittima delle condotte discriminatorie.
Nella fattispecie, poi, va tenuto presente che gli ululati provenivano da un unico, isolato, spettatore, sicchè non poteva dirsi che ci fosse una situazione ambientale incompatibile con la prosecuzione della gara. Va infatti tenuto presente che è pressochè impossibile, per una società, impedire comportamenti scorretti di una singola persona.

Alla stregua delle superiori considerazioni il Giudice Sportivo, sulla base delle norme vigenti, in particolare l’artt. 10 del C.G.S. che disciplina il caso della società che ha reso impossibile la prosecuzione della gara, è tenuto a sanzionare l’abbandono del campo da parte della società ospite con la sconfitta a tavolino per 3-0, anche se una tale decisione viene adottata con personale dispiacere da parte dell’Organo giudicante che esprime solidarietà al giocatore vittima del comportamento discriminatorio.
Alla perdita della gara a tavolino accede e si aggiunge, ai sensi dell’art. 9 del C.G.S., la sanzione dell’inibizione per il dirigente accompagnatore della Polisportiva Tribano per avere ritirato la squadra dal campo; in considerazione delle particolari circostanze del caso, e del comprensibile dispiacere che ha provocato in tutti i tesserati della Polisportiva Tribano la discriminazione operata a danno del loro calciatore, tale sanzione viene applicata nella misura ridotta di una settimana.

Resta da valutare la responsabilità della società Atletico Granze per il comportamento del proprio sostenitore. L’art. 28 del C.G.S. (rubricato “Comportamenti discriminatori”) dopo avere definito, al comma 1°, comportamento discriminatorio “ogni condotta che direttamente o indirettamente comporti offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore (. . .), origine anche etnica”, al comma 4 sancisce la responsabilità delle società per cori, grida e ogni altra manifestazione dei propri sostenitori che siano espressione di discriminazione.
Non vi è dubbio che il verso della scimmia avesse carattere discriminatorio nei confronti del giocatore della Polispor. Tribano, in quanto era specificamente riferito al colore della sua pelle, secondo una consuetudine tanto assurda quanto diffusa. Di essi la Società è quindi responsabile ai sensi del menzionato comma 4 dell’art. 28 del C.G.S.
La stessa disposizione stabilisce che per tali condotte, in caso di prima violazione si applica la sanzione minima di cui all’art. 8, comma 1, lett. d), consistente nell’obbligo di disputare una o più partite con uno o più settori privi di spettatori (questa specificazione vale solo per i campi che hanno più di un settore destinato agli spettatori).
L’art. 28, comma 7, del C.G.S., prevede peraltro che gli Organi della giustizia sportiva possono sospendere l’esecuzione delle sanzioni di cui all’art. 8, comma 1, lett d). Trattandosi della prima violazione da parte della società Granze, si ritiene opportuno fare applicazione della sospensione della sanzione della disputa della gara a porte chiuse, con la quale si sottopone la società ad un periodo di prova di un anno. Se durante il periodo di prova la società incorre nella stessa violazione, la sospensione verrà revocata e la sanzione si applicherà in aggiunta a quella comminata per la nuova violazione.
La società Granze è responsabile dell’operato dei propri sostenitori ai sensi del principio generale di responsabilità oggettiva dell’art. 6, comma 3° CGS con l’aggravante della condotta che costituisce denigrazione per motivi di origine territoriale o etnica di cui all’art. 14, comma 1, lett. (n) CGS, , ed è quindi passibile di sanzione pecuniaria, ai sensi dell’art. 8 lett. (b) dello stesso CGS.

P.Q.M.

Visto l’art. 10 del C.G.S. si commina la sanzione sportiva della perdita della gara per 0-3 alla Polisportiva Tribano per essersi detta società rifiutata di proseguire la partita.

Visto l’art. 9 del C.G.S, si delibera l’inibizione per giorni sette del dirigente accompagnatore della società Polisportiva Tribano, sig. Emanuele Decilesi, responsabile di avere ritirato la squadra dal campo;

Visti gli articoli 8, 14 e 28 del C.G.S., si dichiara la società Atletico Granze responsabile per il comportamento discriminatorio posto in essere da un suo sostenitore, e si stabilisce l’obbligo per la suddetta Società di disputare una gara senza la partecipazione del pubblico.
La sanzione è sospesa per un anno dalla data di pubblicazione del Comunicato Ufficiale, ai sensi dell’art. 28, comma 7, del C.G.S., con l’avvertimento che la reiterazione di comportamenti della medesima indole comporterà l’esecuzione di questa sanzione, oltre a quella prevista per i nuovi episodi, la reiterazione del comportamento, ancorché successivo allo scadere dell’anno di messa in prova, consentirà di valutare quello precedente ai fini della recidiva.

Per gli stessi fatti, sempre a titolo di responsabilità oggettiva, si commina alla società Atletico Granze una sanzione pecuniaria nella misura ridotta di € 50 tenuto conto che la condotta discriminatoria proveniva da un unico sostenitore.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 17/11/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Campodarsego a Mestre, Masitto: "Nelle sconfitte siamo cresciuti"

Undicesima giornata nel girone C di serie D: domani, con calcio d’inizio alle 14.30, il Campodarsego è chiamato all’impresa sul difficile terreno del “Baracca” di Mestre. Una sfida tra due formazioni sicuramente in salute: i biancorossi arrivano a questo appuntamento reduci da un solo punto nelle ultim...leggi
27/11/2021

Giustizia sportiva del Veneto: ecco tutte le nomine

La Figc ha reso note le nomine dei Giudici sportivi territoriali, dei componenti dei Tribunali federali territoriali e delle Corti sportive di appello territoriali del Veneto. COMITATO REGIONALE VENETOGiudice sportivo: GIOVANNI MOLIN...leggi
26/11/2021

Prima categoria. Nel girone D Grantorto-Thiene 3-0 a tavolino

Nel girone D di Prima categoria cambia il risultato di Grantorto-Thiene (0-1 sul campo), con la vittoria a tavolino per il Grantorto.Al 31' del secondo tempo i rossoneri hanno sostituito l'unico nato dopo il 1° gennaio 2000, senza inserire un altro giocatore fuoriquota.Grantorto ora ...leggi
25/11/2021




Serie D. Partita pazza tra Campodarsego e Caldiero Terme

Serie D, girone C, 10^ giornata di campionato Una partita pazza, tra mille emozioni e gol, che il Campodarsego avrebbe potuto vincere e che invece è riuscito a recuperare solo in extremis. Finisce 2-2 tra Campodarsego e Caldiero, una sfida per nulla banale e ricca di occasioni da ...leggi
22/11/2021

Luparense, Zanini: "Mi aspetto una grande reazione della squadra"

Avversario di turno dei Lupi in questa decima giornata, il Cattolica di mister Simone Lilli, ripescata in estate in Serie D e quindi “matricola” di questo campionato. Un sodalizio, quello romagnolo, con una certa storia alle spalle, avendo disputato ben cinque stagioni in C2. La partenza...leggi
21/11/2021


Seconda: San Fidenzio Polverara-San Martino Saonara da ripetere

San Fidenzio Polverara - San Martino Saonara del girone O di Seconda categoria (1-1 sul campo) si dovrà ripetere a causa di un errore tecnico dell'arbitro. Recupero fissato per l'8 dicembre. Il direttore, nel suo supplemento allegato al referto, ha precisato di avere erroneamente ...leggi
19/11/2021


Insulti razzisti, il Tribano: "Solidarietà ai nostri tesserati"

In seguito a quanto accaduto domenica pomeriggio durante e dopo la partita di Seconda categoria con l'Atletico Granze, il direttivo della Polisportiva Tribano si stringe attorno ai propri ragazzi, condannando quanto accaduto, appoggiando e condividendo in pieno la presa di posizione della squadra che ha...leggi
16/11/2021



Promozione. Valbrenta-Trebaseleghe rinviata per campo impraticabile

Football Valbrenta - Ambrosiana Trebaseleghe dell'ottava giornata di Promozione (girone D) oggi non è stata disputata poiché l'arbitro, Giovanni Costa della sezione di Castelfranco, ha ritenuto il campo impraticabile in seguito alle precipitazioni delle ultime ore a San Nazario.C...leggi
14/11/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06583 secondi