Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Il vicepresidente Patrick Pitton riassume le nuove regole anti-Covid

Vaccini, tamponi, green pass rafforzato, pubblico, return to play e altro

Nella propria pagina Facebook ufficiale, Patrick Pitton (vicepresidente vicario del Comitato regionale Veneto) ha sintetizzato le ultime regole anti-Covid. Un riassunto che riteniamo utile riportare:

Secondo quanto previsto dal D.L. 229 del 30 dicembre 2021, in base alle FAQ del Dipartimento dello Sport del 2 gennaio 2021, in attesa delle linee guida e dell’aggiornamento del protocollo della FIGC, le Società che continueranno l’attività di allenamento dopo il 10 gennaio 2022 dovranno rispettare le nuove regole anti-Covid per quanto riguarda il calcio dei dilettanti. Norme che valgono sia per le prime squadre che per il settore giovanile e che saranno in vigore fino al 31 marzo di quest'anno.

Calcisticamente non ci saranno differenze tra zona bianca, gialla e arancione: saranno infatti sempre valide.

VACCINO SI, TAMPONE NO. La pratica di sport di squadra e di contatto, sia al chiuso che all'aperto, l'accesso agli spazi adibiti a spogliatoi e docce così come l'accesso ad eventi e competizioni saranno consentiti esclusivamente ai soggetti in possesso della Certificazione Covid Rafforzata (tale limitazione non si applica ai minori di anni 12 e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica). La certificazione Covid Rafforzata si ottiene solo con il vaccino oppure se guariti dal Covid: dunque il tampone non è più valido.

ATLETI. Per continuare ad allenarsi e a disputare partite (ufficiali e/o amichevoli, tornei) tutti i tesserati, a partire dal compimento dei 12 anni di età, dovranno essere obbligatoriamente in possesso del Green Pass Rafforzato. Lo stesso principio varrà anche per accedere agli impianti sportivi.

PUBBLICO. L'accesso del pubblico sarà consentito, al 50% della capienza dell'impianto sportivo, esclusivamente ai possessori del Green Pass Rafforzato. Durante la permanenza all'interno dell'impianto, oltre al previsto distanziamento, vi sarà l'obbligo di indossare mascherine di tipo FFP2 o superiori, sia al chiuso che all'aperto.

STAFF, DIRIGENTI, VOLONTARI. Tutte le persone che a vario titolo prestano la loro opera all'interno dell'impianto sportivo dovranno essere obbligatoriamente in possesso del Green Pass Rafforzato. Quest’ultimo punto vale per i dirigenti della società, per gli allenatori e gli istruttori, per i custodi ed a vario titolo per tutti i collaboratori ed accompagnatori delle squadre.

I bambini della Scuola Calcio under 12 sono esenti dal possesso del Green Pass Rafforzato.
I Comitati Regionali stanno ribadendo con forza e determinazione l’aspetto educativo e formativo dell’attività sportiva e, di conseguenza, sono state espresse perplessità in merito all’obbligatorietà del Green Pass così detto rafforzato per gli over 12 che causerebbe di sicuro una defezione certa dei praticanti vista la percentuale minore, rispetto agli adulti, del numero di vaccinati (vedi comunicato stampa di ieri del C.R.V.).

In merito al "Return to play":

RITORNO ALL'ATTIVITA' SPORTIVA AGONISTICA DI ATLETI GUARITI DAL COVID

La Federazione Medico Sportiva Italiana, grazie anche ad un lavoro costante e ponderato dei Comitati Regionali, ha aggiornato i contenuti del Protocollo per il ritorno all'attività sportiva agonistica degli atleti guariti dal Covid.

In particolare, la novità più consistente riguarda le nuove disposizioni per gli ASINTOMATICI O CON SEGNALI LIEVI che potranno essere sottoposti a visita medico-sportiva "tradizionale":

- DOPO 7 GIORNI dall'accertata guarigione se hanno ricevuto la dose "booster" o hanno completato il ciclo vaccinale nei 120 giorni precedenti;

- DOPO 14 GIORNI se hanno completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni o non hanno ancora ricevuto la dose "booster";

Per gli atleti colpiti da malattia moderata o critica la procedura resta invece invariata e necessita di approfondimenti diagnostici.

Un passo importante, voluto dai Comitati Regionali con il supporto e l'avallo della comunità medico-scientifica per dimostrare vicinanza alle nostre Società.

---

Clicca qui per una successiva analisi aggiornata sulle nuove regole.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 08/01/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,13126 secondi