Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Edizione provinciale di Padova


Luparense: Stefano Romanin confermato alla guida del settore giovanile

Nel 2021 era subentrato al compianto Luca Moro

Vai alla galleria

Nella foto: Romanin (a sinistra) con il presidente Stefano Zarattini.

È ufficiale la conferma di Stefano Romanin alla guida del settore giovanile della Luparense. Arrivato alla corte rossoblù nel 2021 in piena pandemia, il tecnico (classe 1972), ex Padova e Cittadella tra le altre, era subentrato al compianto Luca Moro, mettendo a disposizione il proprio bagaglio d’esperienza (frutto anche di un trascorso significativo negli Stati Uniti) per “svezzare” i giovani Lupi. In meno di due anni di lavoro, sono stati mossi importanti passi avanti, ma l’obiettivo per il prossimo futuro è crescere ancora, instaurando un interscambio di know how tra giovanili e prima squadra.

«Nel corso di una riunione abbiamo condiviso con Mauro Zironelli come allenare al meglio la tecnica, cosa prediligere a livello tattico e in che modo formare la mentalità per avviare la transizione dal calcio giovanile a quello adulto», spiega Romanin, «Bisogna porsi degli obiettivi, a seconda della fascia d’età, che prevedano anzitutto miglioramenti dal punto di vista motorio, avendo al tempo stesso la capacità di trasmettere degli input adeguati ai giovani calciatori per inserirli man mano in un contesto di calcio diverso. Se parliamo di Pulcini o Esordienti, è chiaro a tutti che devono principalmente divertirsi, poi però subentra anche altro. Sono convinto che tra le annate 2008 e 2009 troveremo dei giocatori che con il tempo arriveranno in prima squadra. Purtroppo, il rovescio della medaglia è che dobbiamo scontrarci con limiti di natura strutturale: non disponiamo di campi d’allenamento, giochiamo ovunque tranne che a San Martino di Lupari. Siamo costretti a “emigrare” nei comuni limitrofi. Così diventa difficile, se non impossibile, programmare il futuro. Dispiace per i giovani e le loro famiglie, che sono i primi a reclamare strutture e impianti di gioco in loco».

Nonostante le problematiche logistiche, le squadre giovanili della Luparense si stanno destreggiando abbastanza bene nei rispettivi campionati di categoria: dalla Juniores Nazionale di Luigi Mendicino, agli Allievi Regionali allenati da Mario Masini, passando per l’Under 15 di Diego Barduca e l’Under 14 di Jacopo Scelzo, fino all’Under 13 di Renato Massaro, per poi finire con i Pulcini Misti seguiti da Mauro Tombolato.

«Sono enormemente soddisfatto del lavoro portato avanti da Romanin», chiosa Stefano Zarattini, presidente della Luparense FC, «Stiamo crescendo e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Siamo anche riusciti a portare qualche ragazzo in prima squadra come Andrea Carossa. È sicuramente motivo d’orgoglio. Speriamo che qualche altro elemento del nostro vivaio possa presto entrare a far parte della rosa di Serie D. Abbiamo bisogno di dare spazio ai giovani. Ce lo chiede anzitutto San Martino di Lupari».

Ufficio stampa Luparense

Galleria fotografica
  • Romanin e Zarattini
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 20/04/2023
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03676 secondi