Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Circolari societa'


<< precedente   successiva >>   

Il trattamento fiscale dei rapporti economici tra associazioni...

  TRATTAMENTO FISCALE DEI RAPPORTI ECONOMICI TRA ASSOCIAZIONI   Non è raro in questi ultimi tempi che le associazioni che hanno la disponibilità di una struttura, ad esempio un impianto sportivo, gestito sulla base di una convenzione con il Comune proprietario, diano in locazione parziale, momentanea o duratura, a fronte di un corrispettivo ad altre associazioni che abbiano bisogno di spazi per l’esercizio della propria attività istituzionale. Sorge quindi il problema dell’esatto trattamento contabile di tali proventi sia ai fini delle imposte sui redditi che dell’Iva. A tal fine risulta necessario analizzare il combinato disposto di cui agli artt. 148 del Tuir e 4 del D.p.r. 633/72. L’art. 148, co. 3, D.p.r. 917/1986 dispone che...leggi
04/03/2016, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Ripasso di obblighi contabili delle ASD: la contabilità separata...

articolo redatto dallo Studio Stefani (www.studiostefani.it) Le associazioni sportive dilettantistiche, come anche le società sportive dilettantistiche, sono soggette a specifici obblighi contabili, previsti dalle diverse normative, in relazione alla loro configurazione e natura, nonché alla tipologia di attività svolta. I vincoli legati alla tenuta della contabilità sono sostanzialmente differenti tra i diversi soggetti, in quanto, ad esempio, le società di capitali e le cooperative, ancorché prive di scopo lucro, dovranno attenersi alle previsioni civilistiche e fiscali per queste espressamente stabilite. Vediamo quindi più da vicino cosa dispongono le diverse norme in tema di contabilità per le associazioni sportive dilettantistic...leggi
13/11/2015, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Fusione tra ASD: un'opportunità nei periodi di difficoltà...

Sempre più spesso negli ultimi tempi associazioni e società sportive dilettantistiche lamentano difficoltà di gestione, nonché problemi di liquidità, dovuti talvolta al ridursi del numero di associati o a difficoltà nel reperire sponsorizzatori. Tali problemi uniti ai sempre più elevati costi di gestione, hanno portato le stesse a meditare decisioni drastiche di cessazione dell’attività a fine stagione sportiva.Per ovviare a tali problemi ed evitare “di chiudere i battenti”, soluzione quest’ultima molto dolorosa, perché di norma un’associazione sportiva può ben essere considerata un “pezzo di cuore” degli associati, che l’hanno fondata e vista crescere, è il tentativ...leggi
12/10/2015, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Lo scioglimento dell'associazione sportiva dilettantistica...

In un momento storico quale quello attuale, in piena crisi economica e dati gli innumerevoli controlli svolti a tappeto da parte dell’Agenzia delle Entrate, aumenta il numero delle associazioni sportive che, a fine stagione, decidono, loro malgrado, di chiudere i battenti, non riuscendo più a sostenere gli elevati costi di gestione che l’attività sportiva/istituzionale comporta. L’estinzione dell’associazione, quale evento conclusivo della vita dell’ente, non è però un operazione che può essere eseguita superficialmente, infatti perché si possa correttamente perfezionare la definitiva cessazione dell’esistenza dell’associazione, con effetti civilistici e fiscali, è fondamentale rispettare e porre in...leggi
12/12/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

AREA FISCALE: l'uscita dal regime forfettario ex Legge 398/91

L’USCITA DAL REGIME FORFETTARIO EX L. 398/91 In relazione al regime agevolato ex L. 398/91 sono stati ampiamente trattati i requisiti necessari per l’applicazione del regime, i vantaggi che assicura, gli adempimenti contabili da rispettare, tanto che oramai, questi aspetti,  possono dirsi ampiamente conosciuti, tuttavia poco si è trattato in relazione all’uscita da questo vantaggioso regime. Quest’ultimo “avvenimento”  risulta essere assai delicato nella vita di un’associazione, qualora accada, e dev’essere seguito con la massima attenzione. Rivediamo, quindi, brevemente le ipotesi in cui un’associazione sportiva dilettantistica perde il diritto di applicare il regime forfettario di cui alla L. 398/91.  La prima...leggi
14/10/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Accertamento fiscale: la fase contenziosa. Procedimento ed esiti

Terminati inutilmente i tentativi di dialogo con l’Amministrazione Finanziaria e avendo ancora in mano l’avviso di accertamento immutato, è bene valutare prima di tutto l’opportunità di fare istanza di sospensione della riscossione delle somme dovute a titolo provvisorio, infatti il ricorso, di per se, non “fermerà” l’ente incaricato dell’incasso delle somme dovute (si ricorda infatti che se si propone ricorso, verrà comunque richiesto il pagamento iniziale di un terzo delle somme richieste nell’atto di accertamento). La sospensione può essere richiesta in via amministrativa, in carta semplice, all’ufficio accertatore, che può disporla in tutto o in parte fino alla data di pubblicazione de...leggi
11/07/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Gli accertamenti fiscali: conoscere il "nemico"...

Purtroppo negli ultimi tempi, si constatano sempre di più azioni di controllo dell’Amministrazione finanziaria verso associazioni e società sportive. Oggi, infatti, gli accertamenti degli enti non commerciali risultano essere il pane quotidiano dell’Amministrazione Finanziaria, mentre qualche anno fa, si poteva definire come un’attività residuale del Fisco. Data quindi la frequenza e il sempre maggior numero di enti non commerciali che subiscono controlli, si ritiene utile fornire alcune informazioni di base che aiuti chi opera nelle associazione a gestire questi delicati momenti. Prima di tutto quali sono i tipi di controllo? Come vengono svolti? Quali conseguenze comportano? Il primo procedimento, il più “semplice” e automat...leggi
11/06/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

L'angolo fiscale: trasformazione da ASD a SSDARL??? Si, grazie...

TRASFORMAZIONE DA ASD A SSDARL?? SI, GRAZIE!! Negli articoli dei mesi scorsi, abbiamo posto alla vostra attenzione i benefici insiti nelle operazione di trasformazione da associazione sportiva dilettantistica in società sportiva dilettantistica, nonché la procedura tecnica necessaria per porre in essere tale operazione straordinaria.Questo mese, a chiusura degli articoli di approfondimento sul tema, si vogliono riassumere i concetti, già tecnicamente esposti, in chiave di opportunità e tranquillità personale, soprattutto per i Presidenti delle ASD. Le problematiche che moltissime associazioni stanno vivendo in questi anni sono costituite da accertamenti molto rilevanti, mediamente intorno ad 80/100.000,00 euro per anno, con punte di 400/500.000,00 euro ...leggi
13/05/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

LA TRASFORMAZIONE DA ASD IN SSDARL: dalla teoria alla pratica...

Nella scorsa edizione si sono elencati e sviluppati i motivi per i quali è opportuno e vantaggioso porre in essere la trasformazione da Associazione a Società Sportiva Dilettantistica di capitali. In questo numero ci occuperemo invece di quali sono i passi necessari, nella pratica, per realizzare la trasformazione. VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO SOCIALEStando alle norme generali in materia di società di capitali e in base a quanto previsto dall’art. 2500 ter c.c., che riguarda la trasformazione delle società di persone, la trasformazione in questione comporta obbligatoriamente la redazione di un’apposita perizia di stima, come previsto dagli artt. 2343 e 2465 c.c. rispettivamente nel caso di società per azioni e a responsabilità limitata.I...leggi
10/04/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

Ecco perchè trasformare un'ASD in una SSD...

La legge 289/2002, art. 90, comma 1 prevede che le disposizioni di cui alla legge 398/91 e successive modificazioni, oltre che le altre disposizioni tributarie agevolative riguardanti le associazioni sportive dilettantistiche, si applicano anche alle società di capitali (e cooperative) sportive dilettantistiche senza fine di lucro. Ma quali sono i motivi che dovrebbero spingere un’ASD a trasformarsi in SSD?Vediamo nel dettaglio i più rilevanti:1.La gestione contabile. Il regime fiscale di cui alla l. 398 impone una gestione contabile minima a carico delle ASD. Infatti, in linea generica, è previsto l’obbligo di fatturazione delle prestazioni commerciali, di conservazione di incassi e pagamenti, di numerazione e conservazione delle fatture di acquisto, di t...leggi
05/03/2014, Redazione Venetogol, Circolari societa'

<< precedente   successiva >>