Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Belluno


Dilettanti, il riassunto di un "folle" 2020 parte 1 (gennaio-giugno)

I principali eventi che hanno riempito le pagine di Venetogol

Vai alla galleria

Oggi va in archivio un anno che ricorderemo a lungo per ovvi motivi. Mese per mese, ecco gli eventi principali (e alcuni di colore) che hanno segnato il 2020 riempiendo le pagine di Venetogol.

Parte 1 di 2 (da gennaio a giugno)

GENNAIO

Nel giorno dell'Epifania, sul neutro di Rovigo il Sandonà batte 1-0 il Garda nella finale regionale della Coppa Italia di Eccellenza.

E' un mese caldo per le panchine. Queste le svolte tecniche di maggior rilievo: Zanin al posto di De Agostini al Belluno, Mattiazzi al posto di Tiozzo all'Adriese, Pasa al posto di Bodo al Montebelluna (Serie D); Sambo al posto di Romano al Real Martellago, Buondonno al posto di Turchetto all'Union Qdp (Eccellenza); Da Rold al posto di Bellotto al Treviso Ac, Cecchin al posto di Comunello al Vedelago (Promozione).

Dopo diverse settimane di attesa, in Eccellenza viene omologato il 2-0 di Giorgione-Garda. La società veronese aveva presentato reclamo perché i giocatori del Giorgione avevano usato sensori gps negli scarpini.

Per un violento schiaffo all’arbitro, sospesa Galliera-Fontanivese nel girone F di Prima categoria. Due anni e tre mesi di squalifica a un giocatore del Galliera. Complici episodi simili su altri campi, nel weekend successivo tutte le gare in Veneto cominciano con 15’ ritardo in segno di solidarietà con la classe arbitrale.

FEBBRAIO

Nuovi cambi di allenatore, fra i principali: Arioli al posto di Adami al Villafranca Veronese, Centurioni al posto di Cunico alla Luparense (Serie D); Lucchini al posto di Boscaro all'Albignasego (Eccellenza); Piovanelli al posto di Szumski al Vazzola, Fiorin al posto di Meneghetti all'Azzurra Due Carrare, Faedo al posto di Taccardi al Sitland Rivereel (Promozione).

In Serie D, dopo un lungo tira e molla, ripristinato lo 0-3 a tavolino di Cjarlins Muzane-Vigasio per la posizione di Gubellini.

In D Union Clodiense-Belluno è caratterizzata da un episodio di fair play: Madiotto, in forza ai bellunesi, avvisa infatti l'arbitro che non c'era rigore su di lui. L'Union Clodiense ringrazia.

Il 14 febbraio muore all'ospedale di Vicenza il 26enne Mirko Pellizzer, giocatore della società Telemar San Paolo. A gennaio aveva avuto un malore in allenamento.

A questo punto inizia l'epoca Covid nel calcio

22 febbraio: ufficializzati alcuni rinvii precauzionali, relativi a partite in Comuni limitrofi a Vo’. Tutte le altre gare rimangono in programma.

Notte tra sabato 22 e domenica 23 febbraio: come da comunicazione del Consiglio dei Ministri, sospese tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e Veneto.

Primo mattino del 23 febbraio: arriva anche l'ufficialità del Comitato regionale in merito al rinvio di tutte le gare della domenica.

Un'ordinanza regionale ferma tutto fino al 1° marzo incluso.

A fine mese mister Silboni lascia il Ponzano (Promozione); lo sostituisce Depoliti, ma non farà in tempo a debuttare.

28 febbraio: escono le nuove date dei campionati regionali, di fatto slittate in avanti.

MARZO

2 marzo: c'è la notizia che i campionati ripartono a porte chiuse.

4 marzo: Sandonà sconfitto dalla Manzanese all'esordio nella fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti. Si giocano anche le semifinali della Coppa Verona di Terza categoria, a porte chiuse.

5 marzo: campionati regionali sospesi dal CRV fino a data da destinarsi, in attesa di chiarimenti sul Dpcm.

6 marzo: rinviata la Viareggio Cup (saranno poi annullati anche il Torneo delle Regioni, il memorial Nicolli, il Marca Trevigiana e tutti gli altri tornei minori).

8 marzo: Dpcm con misure anti Covid severissime, in particolare per le province di Padova, Treviso e Venezia.

9 marzo: a Roma la LND sospende fino al 3 aprile tutti i campionati sotto la sua egida.

Annullata la fase nazionale degli Juniores.

Molte società iniziano a raccogliere fondi da devolvere agli ospedali, per la lotta contro il coronavirus.

Fine mese: “Divisi non si va da nessuna parte” dice il CRV, in risposta alla creazione di gruppi/chat con presidenti che chiedono lo stop dei campionati.

Primi video online di allenamenti da casa, in particolare tra i più giovani.

I vertici calcistici temono la sparizione del 30% delle società in vista della prossima stagione.

APRILE

2 aprile: a Roma la LND prolunga la sospensione di tutte le attività fino al 13 aprile.

Indennità per i collaboratori sportivi: rese note le modalità per presentare domanda.

11 aprile: a Roma la LND prolunga lo stop fino al 4 maggio.

16 aprile: chiusi definitivamente tutti i campionati giovanili nazionali, non ancora quelli dilettanti.

20 aprile: a causa di un tumore al cervello muore a 31 anni Damiano Zugno, ex capitano di Istrana, Spinea, Calvi Noale e tante altre squadre.

Mese nerissimo per la Permac Vittorio Veneto (calcio femminile), che complice il Covid perde anche il dg Giovanni Bolzan. Nelle settimane precedenti erano mancati il dirigente Dino Marcuzzo e il patron Giuseppe Casagrande.

MAGGIO

2 maggio: a Roma la LND proroga al 18 maggio la sospensione dell'attività, ma ormai alcune società già pensano alla stagione successiva, annunciando la riconferma o il cambio di allenatore. In avvio lo fanno soprattutto le società vicentine (Chiampo, Bassano, Trissino, eccetera).

4 maggio: una delle prime società a riprendere l'attività con gli allenamenti individuali è la veronese Alba Borgo Roma.

Intorno al 10 maggio aumentano notevolmente le notizie sugli staff tecnici e dirigenziali per la stagione successiva.

18 maggio: con una lettera a tifosi e città, il presidente Serena annuncia che lascia il Mestre. Rimarrà però in sella.

18 maggio: la Figc proroga la sospensione dell'attività sportiva fino a 14 giugno.

20 maggio: il Consiglio federale ufficializza la chiusura anticipata di tutti i campionati dilettantistici, verdetto già nell'aria. Confermata quindi la fine della stagione sportiva al 30 giugno.

22 maggio: il Consiglio direttivo della Lnd propone la promozione della prima classificata e la retrocessione delle ultime 4 squadre per ogni girone di Serie D.

26 maggio: una trentina di club di Serie D diffidano Figc e Lnd per l'intenzione di confermare le retrocessioni solo in D.

Fine maggio: prosegue la scelta degli staff, anche in D (riconfermati ad esempio Ferronato a Cartigliano, Vittadello a Chioggia e Mattiazzi ad Adria; nuovo invece Lauria al Belluno).

In queste settimane su Venetogol raccogliamo moltissimi commenti tra gli addetti ai lavori, per sapere le loro preferenze sulle modalità di conclusione della stagione (promozioni, retrocessioni, azzeramento dei risultati, e così via).

GIUGNO

5 giugno: pubblicato il protocollo attuativo per i campionati dilettantistici e giovanili. Ma appare subito difficilmente applicabile.

8 giugno: il Consiglio Figc ufficializza le 4 retrocessioni per ogni girone di Serie D (ne fanno le spese le veronesi Vigasio e Villafranca) e la promozione in C della prima classificata, il Campodarsego, per la gioia dichiarata del presidente Pagin. Non ancora noti i meccanismi di promozioni/retrocessioni per i campionati regionali.

10 giugno: in serata spunta un comunicato firmato dal presidente Gravina (Figc), contenente l'intenzione di procedere con le retrocessioni pure nei campionati regionali, in particolare in Eccellenza. Le società pericolanti tremano.

11 giugno: il Consiglio direttivo della Lnd delibera una sola retrocessione per girone in Eccellenza (colpite Team Santa Lucia Golosine e Union Qdp), e nessuna nelle categorie inferiori. E' promozione per le prime classificate al momento della sospensione, cioè Sona e Union San Giorgio Sedico (dall'Eccellenza); Pescantina Settimo, Bassano, San Giorgio in Bosco, Opitergina (dalla Promozione); Cadidavid, Chiampo, Monteviale, Monselice, Dolo, Armistizio Esedra Don Bosco, Eurocalcio, Limana, Julia Sagittaria (dalla Prima categoria), eccetera. Si profilano gironi allargati nella stagione 2020/2021.

Intanto marcia a pieno ritmo il mercato di allenatori e giocatori.

17 giugno: il CRV formalizza il blocco delle retrocessioni e la promozione delle prime anche nei campionati giovanili. Stabiliti alcuni contributi economici a favore delle società.

18 giugno: a Roma la LND illustra i criteri della graduatoria per salire in Serie D, rivolta alle seconde di Eccellenza. Le venete Montecchio Maggiore e Portogruaro non sembrerebbero tra le favorite.

22 giugno: Sottovia è un nuovo attaccante dell'Union San Giorgio Sedico in D, solo per citare uno dei più importanti movimenti di mercato.

In questi giorni il Bessica si autoretrocede dalla Prima alla Seconda categoria: quello delle autoretrocessioni sarà per certi versi una costante dell'estate 2020.

26 giugno: i club di Serie D votano per l'obbligo di 4 under nella prossima stagione, precisamente un 1999, un 2000, un 2001 e un 2002.

26 giugno: il CRV ufficializza i primi ripescaggi riguardanti le seconde classificate, ad esempio Schio e Scardovari salgono in Eccellenza; Lugagnano, Audace e Ponte Crepaldo in Promozione.

30 giugno: ufficializzate le 7 società di Eccellenza ammesse in Serie D (posti che in genere venivano stabiliti tramite gli spareggi nazionali). Montecchio e Portogruaro non sono tra queste, quindi finiscono in graduatoria per gli eventuali ripescaggi. Intanto l’Arzignano retrocede in D dopo i playout.

>>> CLICCA QUI PER LEGGERE LA SECONDA PARTE

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 31/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03371 secondi