Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Vicenza


Schio. Umberto Lovato: "Il sogno è ricalcare i campi della Serie D"

Eccellenza. Il centrocampista arriva in giallorosso dalla Virtus Cornedo insieme all'attaccante Enoch Gyimah

Vai alla galleria

Giocatore di qualità e con un passato importante alle spalle, Umberto Lovato, classe 1995, arriva dal Virtus Cornedo (Promozione) e ora scenderà in campo con i colori dello Schio nel campionato d’Eccellenza in partenza domenica 18 aprile.

Umberto, riviviamo insieme la tua carriera.
«Ho iniziato a giocare a calcio a 5 anni al Cornedo, la società del mio paese. A 10 anni sono passato al Montecchio dove, il primo anno, ho avuto la fortuna di essere allenato da Toto Rondon. Ho seguito qui tutto il settore giovanile, dai Giovanissimi agli Allievi per poi passare direttamente a 15 anni in prima squadra, con il mio esordio in Serie D. Ringrazio sempre Romano Aleardi e il mister Armando Farinello per la possibilità che mi hanno dato di esordire e fare quattro partite in D. L’anno seguente, a 16 anni, ho giocato la mia prima stagione in Eccellenza dove abbiamo quasi raggiunto i playoff. Sono passato al Real Vicenza, in Serie D. Quella stagione il club aveva fatto richiesta di ripescaggio per la Lega Pro ed è stata accettata: di conseguenza mi sono ritrovato in Lega Pro a 17 anni. Ho visto che era un mondo troppo più grande di me e non ero ancora pronto. Ho preso quindi una scelta a livello calcistico e di vita: ero all’ultimo anno di scuola e dovevo sostenere gli esami di maturità. Non potevo prendere quell’impegno e soprattutto vedevo che a 17 anni dovevo giocare e non fare tribuna o panchina. Sono tornato perciò a Montecchio dove ho fatto la seconda e la terza stagione di Eccellenza. Successivamente sono andato a Caldiero: qui secondo me c’è stata la svolta della mia carriera. Sono subentrato in una società dove, come tutti sanno, si mastica calcio dalla mattina alla sera. La fortuna di essere entrato a far parte della famiglia del presidente Berti, mi ha aiutato tanto a livello calcistico. Soprattutto il primo anno con una rosa di giocatori che avevano praticamente vinto tutto quello che c’era da vincere nei campionati dilettantistici e non solo. Con questi colori sono cresciuto molto. Ho avuto la fortuna poi di fare 3 anni di Rappresentativa veneta: esperienza bellissima, peccato per l’ultimo anno che non siamo arrivati in finale. Ho svolto altri 3 anni a Caldiero e poi ho preso un’altra scelta di vita avendo un negozio di alimentari a Cornedo. Il direttore Santagiuliana mi ha chiamato e ho deciso di tornare a Cornedo dove ho passato gli ultimi 3 anni in Promozione».

E ora il tuo arrivo a Schio.
«In questo anno particolare segnato dal Covid, grazie al Ds dello Schio Ennio Dalla Fina, al mio direttore e al mio presidente del Cornedo, mi è stata data la possibilità di affrontare per questi mesi questo campionato d’Eccellenza. Un mini torneo dove cercheremo di dare il tutto per tutto. Le mie aspettative sono quelle di scendere in campo e dare il massimo. Poi lo sappiamo che nel calcio raccogli quel che semini. Se noi ci alleniamo bene, alla fine la domenica ripaga. L’abbiamo sempre visto. Ho trovato un gruppo molto giovane, però sono stati fatti dei rinforzi di qualità a livello di esperienza. E i calciatori rimasti a Schio sono ottimi giocatori e ottime persone. Ho trovato un bel gruppo anche a livello di società».

Quali sono i tuoi sogni e i tuoi obiettivi?
«Il sogno è quello di ricalcare i campi della Serie D. È molto difficile, lo so. Però è un piccolo obiettivo che mi sono prefissato. Bisogna guardare la realtà. Nel mondo dilettantistico è difficile vivere di calcio, tanto più ora con la pandemia. L’obiettivo per il futuro è quello di riuscire a combaciare lavoro e calcio e tenere la categoria, che sia Promozione, Eccellenza o magari in futuro, se ci fosse la possibilità, la Serie D. Sarebbe il mio obiettivo più grande».

Ufficio stampa Calcio Schio

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 03/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...






Eccellenza. Gli highlights e le interviste di Bassano-Camisano

Gli highlights di Bassano-Camisano 1-1, valevole per la prima giornata di campionato nel girone A di Eccellenza.Reti di Sciancalepore al 7' (C) e di Tescaro al 17' (B), entrambe nel primo tempo.A seguire, le dichiarazioni di Gaetano Sciancalepore e dell'allenatore degli ...leggi
19/04/2021


Paolo Beggio riconfermato alla guida dell'Unione La Rocca Altavilla

L'Unione La Rocca Altavilla ha reso noto di aver trovato un accordo per il proseguimento del rapporto di collaborazione con l'allenatore Paolo Beggio (nella foto insieme al nuovo DS Clementi). Per il tecnico di Brendola sarà la seconda stagione in panchina. I vicentini militano ne...leggi
17/04/2021


L'Arcella riparte contro il Montecchio. L'entusiasmo di mister Tentoni

Dopo mesi di attesa, settimane di estenuante lavoro con un obiettivo che per molto tempo è sembrato fin troppo lontano, finalmente si ricomincia a giocare. Domani, alle 15.30, l’Arcella torna ufficialmente in campo per il primo incontro del mini-campionato di Eccellenza che riparte con nove squadre (girone A), gare di s...leggi
17/04/2021

Serie D. Nel girone C rinviata anche Campodarsego-Arzignano

Secondo rinvio nel girone C di Serie D. L'Arzignano Valchiampo ha infatti reso noto che a causa di alcuni casi di positività al Covid, la partita di domenica 18 aprile a Campodarsego è rinviata a data da destinarsi. Nel pomeriggio era stata rinviata...leggi
16/04/2021






Eccellenza. Rosa, staff tecnico e dirigenti dello Schio

Proseguiamo la pubblicazione delle rose e degli staff di Eccellenza, in questo caso con lo Schio del nuovo allenatore Beppe Camparmò (nella foto), grazie alle informazioni inviate dall'ufficio stampa della società presieduta da Devis Vallortigara....leggi
13/04/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05212 secondi