Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Padova


Pozzonovo. Le prime parole del nuovo allenatore Nicola Cavazzana

Eccellenza. "Ora aumentano le responsabilità, ma per me non è mai stato un problema. La voglia di ripartire è enorme, così come quella di tornare a respirare il clima dello spogliatoio"

L'ufficio stampa del Pozzonovo ha raccolto le prime impressioni di Nicola Cavazzana (nella foto), nuovo allenatore per la prossima stagione in Eccellenza.

Per il neotecnico, promosso al timone della prima squadra dopo la splendida prima parte di stagione con la juniores élite, si tratta dell’esordio assoluto da «head coach» tra i grandi dopo la positiva esperienza con la juniores del Monselice e i diversi campionati da vice di Gianluca Zattarin in serie D con Este, Lentigione, Delta Porto Tolle e Sporting Franciacorta.

«Ho accettato con grande entusiasmo la proposta del direttore e non vedo l’ora di mettermi al lavoro – le prime parole di Nicola – Ringrazio la società e i presidenti per questa bellissima opportunità: sono consapevole che ora aumentano le responsabilità, ma per me non è mai stato un problema. Sono rimasto senza papà e sono cresciuto senza la figura paterna: le responsabilità me le sono sempre prese e continuerò a farlo, nello sport come nella vita. Diciamo che siamo in una situazione un po’ anomala, perché il campionato si sta ancora giocando e il Pozzonovo ha deciso di non aderire alla ripresa. Siamo lontani dai campi da quasi sette mesi, un'eternità: la voglia di ripartire è enorme, così come quella di tornare a respirare il clima dello spogliatoio».

Mister Cavazzana prosegue la sua analisi con un pensiero a chi lo ha preceduto sulla panchina biancazzurra.
«A Max Sabbadin vanno solo i complimenti, perché in sette anni di militanza ha scritto la storia del Pozzonovo: si è rivelato un ottimo allenatore e una bravissima persona, il nostro rapporto è sempre stato molto bello. Di certo gli farò una telefonata per avere qualche consiglio prezioso».

In tanti, dopo uno stop così lungo, parlano di rischio-disaffezione: qual è il tuo pensiero?
«La vedo in modo diametralmente opposto. Di domenica, nei limiti di ciò che è consentito, sto cercando di girare per i campi per vedere qualche partita. Trovo ovunque esempi di passione straordinaria: non potrebbe essere altrimenti quando vedi i ragazzini aggrappati alle reti di recinzione o anziani di 70/80 anni fermi sui poggioli delle abitazioni per guardare cosa succede in campo. L’amore che abbiamo per questo sport meraviglioso non potrà mai essere spazzato via da una pandemia, per quanto sia stata devastante come una guerra. Sono convinto che sarà tutto più bello di prima».

Dopo sette interminabili mesi di stop, il Pozzonovo tornerà in campo questa settimana per riprendere gli allenamenti.
«Lavoreremo tutta maggio e, forse, anche una parte di giugno. Lo faremo sia con la prima squadra che con la juniores e per me sarà un’opportunità importante per conoscere i ragazzi e vederli direttamente sul campo. In questo modo anche la società avrà dei metri di valutazione più concreti per iniziare a programmare la nuova stagione».

La disamina di mister Cavazzana non può non concludersi con un doveroso pensiero alla juniores élite.
«Insieme abbiamo fatto davvero un bel lavoro. Il mio grazie va a tutti i ragazzi: se oggi sono diventato l’allenatore della prima squadra, molti dei meriti vanno a loro. È un gruppo giovane, ambizioso e di grande qualità: il mio occhio sarà sempre puntato sulla juniores, perché conosco bene la squadra e so che potrò andare sul sicuro. La filosofia della società resta quella di lanciare i giovani più promettenti: in questo senso la valorizzazione dell’under resta una priorità».

Ufficio stampa Pozzonovo

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 02/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...





Eccellenza. Loris Bodo sarà il nuovo DS dell'Albignasego

Loris Bodo (nella foto), sarà il nuovo direttore sportivo dell'Albignasego per la stagione 2021/2022 in Eccellenza. Non seguirà solo la prima squadra, ma anche la Juniores e il settore giovanile, inoltre sarà supervisore della Scuola calcio...leggi
11/05/2021





Villafranchese. Il capitano Enrico Bertan appende le scarpe al chiodo

Dopo molti anni con la maglia granata, il capitano Enrico Bertan (classe 1979) appende le scarpe al chiodo. Prima nella vecchia Villafranca 2010 e poi con la Villafranchese, ha sempre onorato i colori della propria squadra. Il suo atteggiamento, serio, professionale, dedito al lavoro e al gruppo ha insegnato e trasmesso mo...leggi
07/05/2021


Nuovi allenatori: Simone Ferlin a Loreggia, Giulio Gobbo a Villanova

Dopo la separazione con Dino Tonin, la Nuova Loreggia ha ufficializzato l'allenatore per la stagione 2021/2022 in Prima categoria: è Simone Ferlin (a sinistra nella foto, insieme al direttore sportivo Diego Pegorin), ex Vedelago e Quinto. Alle spalle ha pure tre stagioni con altrettante salvezze alla...leggi
05/05/2021





Verso Campodarsego-Cartigliano, Lugnan: "Invertire il trend in casa"

Domani (sabato), con calcio d'inizio alle ore 15, si recupera allo stadio "Gabbiano" la sfida di Serie D tra Campodarsego e Cartigliano: seconda gara casalinga consecutiva per i biancorossi, che reduci dalla serie positiva ottenuta con la vittoria di Chions e il pareggio con l'Este,...leggi
30/04/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06565 secondi