Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Edizione provinciale di Belluno


Tris al Mestre: il campionato della Dolomiti BL si chiude in bellezza

Serie D. A Belluno finisce 3-0 l'anticipo dell'ultima giornata

Vai alla galleria

Serie D, girone C, ultima giornata di campionato

DOLOMITI BELLUNESI - MESTRE 3-0

Reti: pt 46’ Raimondi; st 18’ Cossalter, 28’ Petdji (foto).

Dolomiti Bellunesi: Canova, Gjoshi, Mosca (st 35’ Faraon), De Carli (st 40’ Tibolla), Sommacal, Petdji, Onescu (st 44’ Piazza), De Paoli (st 29’ Toniolo), Corbanese, Raimondi (st 22’ Posocco), Cossalter.
A disposizione: Masut, Teso, Episcopo, De Leo.
Allenatore: A. Ferro.

Mestre: Da Re; Politti, Severgnini, Busetto; Cabianca (st 34’ Varotto), Galli (st 19’ Salvaterra), Tardivo, Ferchichi (st 17’ Villanova), Fabbri (st 14’ Fabris); Segalina, Scarpi (st 22’ Shaolli).
A disposizione: Ronco, Vrikkis.
Allenatore: G. Zecchin.

Arbitro: Vincenzo Hamza Riahi di Lovere.
Assistenti: Andrea Mirarco di Treviso e Luca Merlino di Asti.

Note. Spettatori: 250 circa. Ammoniti: Ferchichi, Politti, Onescu, Tibolla. Angoli: 3-0 per la SSD Dolomiti Bellunesi. Recupero: pt 1’; st 3’.

Sipario, applausi. L’ultimo atto del campionato di Serie D è arricchito da una vittoria cercata, meritata, legittimata da un atteggiamento impeccabile. Sì, la SSD Dolomiti Bellunesi teneva in maniera particolare a chiudere con i tre punti. Un po’ perché, davanti al pubblico amico del polisportivo, mancavano dallo scorso 6 marzo. Un po’ perché nessuno, ma proprio nessuno voleva lasciare nulla al caso. In più, grazie a questo successo, i ragazzi di Alessandro Ferro agganciano il sesto scalino della graduatoria: un piazzamento che potrebbe essere messo in discussione solo se il Caldiero Terme supererà il Cjarlins Muzane, nel confronto di domani.

Pronti, via e i padroni di casa vanno subito a segno con il suo capitano: Simone Corbanese, abile ad anticipare di testa il portiere mestrino. A negare al Cobra del gioia del quattordicesimo sigillo stagionale, però, è il guardalinee, che sbandiera una posizione di fuorigioco. Al 12’ ci prova poi De Paoli con un gran sinistro, ma Da Re alza sopra la traversa. Anche gli ospiti si fanno notare: soprattutto con una fulminea ripartenza condotta da Scarpi e rifinita da Segalina, che non trova la porta. La trova eccome, invece, Andrea Raimondi. Con quello che è diventato ormai il suo marchio di fabbrica: il calcio di punizione. Una pennellata utile a indirizzare la sfida sul binario dolomitico.

La ripresa si apre con una girata di Fabbri, fuori di poco. Come di poco alto finisce il gran sinistro dalla distanza di Mosca. Bellissima, inoltre, l’iniziativa personale di un Cossalter alla ricerca del decimo centro in campionato (fuori bersaglio), mentre Corbanese approfitta di un errore di Severgnini e coglie il palo esterno. Ricerca che, per Alex, dà i suoi frutti al 18’, quando l’ex Union Feltre lascia partire un destro potente che Da Re può solo toccare: 2-0. E il tris segue a ruota: tutto merito di Georges Petdji e della sua zampata sugli sviluppi di un corner. Nel finale c’è spazio pure per un legno colpito dal giovane e sempre più intraprendente Faraon. E per un miracoloso salvataggio di piede di Da Re su Onescu.

«Volevamo vincere questa partita - è l’analisi di mister Ferro - senza “se” e senza “ma”. E così è stato: abbiamo fatto ciò che sapevamo e dovevamo fare. Il percorso? Tutto è nato in maniera repentina e forse all’inizio c’era un pizzico di apprensione. Ma i ragazzi sono stati da subito disponibili. E questo mi ha agevolato in un percorso che alla fine si è rivelato piacevole ed emozionante. Tante persone mi hanno dato una mano, a cominciare da Simone Bertagno».

Ufficio stampa Dolomiti Bellunesi

Foto di Giuseppe De Zanet

Galleria fotografica
  • Petdji cala il tris
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 14/05/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie D. La storia dolomitica continua: Corbanese morde ancora

Capitan Simone Corbanese e la SSD Dolomiti Bellunesi: la storia continua. Una storia fatta di gol e di emozioni, di sudore e sacrificio, di valori e condivisione. Chiarezza - Il filo che lega il bomber alla società nata dalla fusione tra Belluno, Union Feltre e San Giorgio...leggi
30/06/2022





Serie D. Dolomiti Bellunesi: il nuovo allenatore è Lucio Brando

La SSD Dolomiti Bellunesi affida la guida tecnica della prima squadra a Lucio Brando. Nato a Biella l’11 dicembre 1971, è in possesso del patentino Uefa A e ha da poco archiviato una felice stagione alla Pianese, con cui ha centrato i playoff di Serie D. Sempre in D ...leggi
06/06/2022

Notizie da Fiori Barp Mas, Cassola, Nuova Loreggia, Zensonese

Al Fiori Barp Mas, in Promozione, c'è l'annuncio del nuovo allenatore in sostituzione di Alessandro De Battista. Il presidente Victor Fant ha promosso Stefano Sommacal, condottiero della Juniores bluarancio che nella stagione appena conclusa ha vinto tutto...leggi
04/06/2022

Dolomiti, De Cian: "Vogliamo rappresentare l'intera provincia"

“Ieri, oggi, domani”: prendendo in prestito il titolo del capolavoro di Vittorio De Sica, il presidente della SSD Dolomiti Bellunesi, Paolo De Cian (foto), traccia il punto della situazione. Guardando indietro, ai punti di forza da cementare e ai nodi da sciogliere, ma soprattutto oltre. Con un chiodo fisso in testa: far s&igrav...leggi
03/06/2022

Serie D. La Dolomiti Bellunesi saluta 7 giocatori in uscita

È tempo di scelte in casa SSD Dolomiti Bellunesi. A volte anche dolorose, soprattutto quando si tratta di salutare alcuni giocatori con cui è stato condiviso un percorso calcistico e umano. È il caso di Mattia Episcopo, Halil Gjoshi, Stefano Mosca, Francesco Posocco...leggi
28/05/2022








Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05311 secondi