Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Belluno


Comunicato delle 16 società di Seconda R dopo l'incontro con la Figc

"Le tematiche sollevate hanno avuto condivisione e sincera partecipazione da parte del Presidente Ruzza e per questo motivo abbiamo deciso di scendere regolarmente in campo l'11 ottobre. Tuttavia, le problematiche sono lontane da essere risolte e pertanto, auspicando un coinvolgimento degli altri gironi e delle altre categorie, rimaniamo in attesa di sviluppi importanti a livello politico e sanitario, altrimenti ci troveremo costretti a manifestare con forza il nostro disagio attraverso forme fortemente simboliche"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato congiunto delle società del girone R di Seconda categoria, dopo l'incontro di giovedì sera tenutosi a Ponte nelle Alpi con i vertici calcistici regionali e provinciali. Si è parlato in particolare della rigidità del protocollo anti-Covid.

Inviamo in allegato una comunicazione che riassume la discussione avvenuta giovedì 1 ottobre tra i 16 Presidenti del Girone R di 2° Categoria (Belluno e Treviso) ed i vertici regionali della FIGC- LND.
Le tematiche sollevate hanno avuto condivisione e sincera partecipazione da parte del Presidente Ruzza e per questo motivo abbiamo deciso di scendere regolarmente in campo l'11 ottobre.
Tuttavia, le problematiche sono lontane da essere risolte e pertanto, auspicando un coinvolgimento degli altri gironi e delle altre categorie, rimaniamo in attesa di sviluppi importanti a livello politico e sanitario, altrimenti ci troveremo costretti a manifestare con forza il nostro disagio attraverso forme fortemente simboliche.
Con la speranza di trovare una soluzione condivisa per il bene del calcio e la passione delle decine di migliaia di tesserati in Veneto.
Con viva cordialità
Delegato dai Presidenti Girone R 2° cat
Enrico Collarin

LE SOCIETA’ DI 2° CATEGORIA GIRONE R

Ill.mo GIUSEPPE RUZZA
Presidente
Comitato Veneto LND

Alla c.a. ORAZIO ZANIN
Delegato Provinciale di Belluno

Alla c.a. FRANCESCO BENAZZI
Direttore Generale
ULSS 2 Marca Trevigiana

Alla c.a. ADRIANO RASI CALDOGNO
Direttore Generale
ULSS 1 Dolomiti

Alla c.a. LUCA ZAIA
Presidente Regione Veneto

Alla c.a. STEFANO MARCON
Presidente Provincia di Treviso

Alla c.a. ROBERTO PADRIN
Presidente Provincia di Belluno

OGGETTO: Comunicazione congiunta delle Società iscritte al Campionato Regionale di Seconda Categoria – Girone R in seguito incontro con i vertici regionali della FIGC - LND

Ill.mi tutti,
in seguito alla nostra comunicazione del 22 settembre scorso (clicca qui), che riportiamo in calce, abbiamo avuto una celere risposta dalla FIGC – LND veneta, nella persona del Presidente Giuseppe Ruzza.

Questo ha portato all’organizzazione di un incontro in presenza tenuto nella serata del primo ottobre a Ponte nelle Alpi a cui hanno partecipato i Presidenti, o loro delegati, delle sedici compagini di seconda categoria girone R oltre al Presidente regionale Giuseppe Ruzza, il  vice-Presidente Roberto Mamerti, il delegato provinciale di Belluno Orazio Zanin ed i consiglieri Dario Ortolan per Treviso e Maurizio Giacomelli per Belluno.

L’incontro ha avuto dei toni fermi ma pacati è si è svolto all’insegna della massima collaborazione e disponibilità delle parti per cercare di addivenire ad una soluzione che permetta ai tesserati delle società calcistiche di svolgere serenamente e con la massima tranquillità possibile la loro passione sportiva, senza per questo compromettere la propria
attività professionale e lavorativa.

I problemi principali vertono ovviamente sul punto di vista medico e purtroppo dalle ULSS 1 Dolomiti e ULSS 2 Marca Trevigiana non è giunta alcuna riposta alla missiva del 22 settembre, così come non sono giunte risposte chiare ed univoche alle singole richieste di chiarimento sollevate dalle varie società nelle ultime settimane.

E’ stata ribadita l’importanza sociale che le società calcistiche svolgono per le nostre comunità cittadine e la costante e massiccia partecipazione dei tesserati agli allenamenti, segno questo delle necessità dei nostri giovani e delle loro famiglie di stare assieme e di svolgere attività fisiche in ambienti sani e protetti.

Tuttavia i Presidenti tutti, pur nella unanime volontà di riprendere, hanno sottolineato ulteriormente l’eccessivo carico di responsabilità che ricade su di essi, anche e soprattutto alla luce dei recenti protocolli Covid19.

In particolare sono state sollevate alcune tematiche conosciute e già analizzate dalla FIGC – LND Veneta ma tutt’ora non risolte dai vertici federali nazionali o dalle ULSS Venete.

Il problema principale è la gestione dell’isolamento fiduciario di 14 giorni in seguito a contatto con persona positiva anche se il tampone risulta negativo. Riteniamo che questa misura sia esageratamente drastica e comprometta fortemente la pratica del gioco del calcio per i lavoratori, troppo alto è infatti il rischio di doversi assentare dal lavoro per periodi di due settimane.

Vediamo a livello nazionale che anche la positività di un giocatore non blocca i colleghi della stessa formazione, vedasi il caso di Ibrahimovic positivo al Covid19 ed il Milan continua a giocare regolarmente in Italia ed all’estero.

Altre tematiche scottanti e correlate alle disposizioni dei vari protocolli che si sono succeduti in queste settimane sono l’individuazione del medico sociale e l’effettuazione delle visite medico sportive.

La quasi totalità delle società dilettantistiche non riesce a trovare la disponibilità dei medici a svolgere le mansioni richieste dai protocolli, con la conseguenza che le relative responsabilità vengono prese dai DAP delle società i cui adempimenti spesso sono svolti ancora una volta dai Presidenti.

In seconda battuta rileviamo una forte difficoltà nel far svolgere ai nostri tesserati le visite mediche agonistiche obbligatorie per praticare l’attività agonistica. Questo a causa delle liste d’attesa rese ancor più lunghe dalla pandemia.

Inoltre i Presidenti hanno evidenziato una difficoltà interpretativa delle varie documentazioni da presentare ad arbitri ed avversari, così come quelle da conservare presso le proprie sedi, in particolar modo la gestione delle autocertificazioni, con notevole dispendio di carta e tempo per stampare e far redigere le stesse ogni 14 giorni da tutti i tesserati.

Infine abbiamo rilevato una difformità di interpretazioni durante le ultime partite ufficiali in merito al comportamento ed alle richieste degli arbitri.

Queste tematiche hanno trovato piena condivisione da parte del Presidente Ruzza che ha evidenziato il massimo sostegno all’iniziativa di sensibilizzazione attuato dai presidenti del girone R di seconda categoria.

Ruzza ha inoltre illustrato tutte le azioni già svolte dalla federazione veneta per cercare di risolvere alcune delle problematiche sollevate, soprattutto con riguardo alla quarantena fiduciaria, denunciando tuttavia l’impotenza della FIGC – LND sulla materia e la ricerca di dialogo costante con la Regione e le ULSS per addivenire ad una interpretazione più morbida.

La disponibilità a sostenere l’iniziativa da parte di Ruzza e le parole di conforto e collaborazione espresse anche dai propri collaboratori, hanno spinto i Presidenti a ritirare la minaccia di sospensione delle partite dell’11 ottobre, ma non hanno ovviamente dato delle soluzioni concrete alle problematiche sollevate.

Per questo motivo i Presidenti, all’unanimità, hanno scelto sì di giocare regolarmente l’11, ma si sono riservati di effettuare delle azioni simili o ancor più drastiche, se da parte delle istituzioni amministrative, sanitarie e sportive regionali e nazionali, non verranno prese delle decisioni univoche per risolvere i problemi creati dalla pandemia per le attività sportive dilettantistiche.

Per questo motivo abbiamo indirizzato la presente, oltre ai vertici federali ed ai direttori delle ULSS di Belluno e Treviso, anche ai vertici politici del Veneto e delle due provincie interessate evidenziando che le tematiche sollevate hanno un peso notevole per le nostre comunità. Non è infatti necessario sottolineare come i tesserati in Veneto siano diverse decine di migliaia ed il ruolo sociale dello sport e del calcio in particolare è fondamentale per i nostri giovani.

L’auspicio è infine di allargare le nostre riflessioni e preoccupazioni anche alle altre categorie e gironi del Veneto, in modo da unire le forze e far sentire in maniera ancor più forte e decisa il nostro disagio e le nostre difficoltà.

Con viva cordialità
I PRESIDENTI

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 03/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Cadore 1919 piange la scomparsa del dirigente Antonio Ruzza

Cadore 1919 in lutto: è venuto a mancare Antonio Ruzza, storico dirigente della società biancorossa. "Abbiamo sperato tutti fine alla fine che Toni riuscisse a vincere la battaglia contro questo "terribile" virus che lo aveva colpito, invece oggi si è spento il nostro sto...leggi
24/11/2020










Serie D. Rinviata per rischio Covid anche Trento-Union Feltre

Aumenta la lista delle partite di Serie D rinviate a data da destinarsi a causa di positività al Covid o per accertamenti in corso. Dopo Arzignano-Virtus Bolzano e Chions-Manzanese, nel girone C è saltata anche Trento-Union Feltre, che si sarebbe dovuta giocare domani ...leggi
30/10/2020






Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10110 secondi