Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI    

Assemblea metà mandato, Ruzza: 'Biennio difficile, ma conti in salute'

Hanno partecipato, collegate da remoto, 383 società

Vai alla galleria

Si è tenuta questa mattina l'Assemblea ordinaria amministrativa del Comitato Veneto FIGC-LND, appuntamento di metà mandato per l’attuale governance del calcio dilettanti regionale. Hanno partecipato, collegate da remoto, 383 società (quasi il 60% delle affiliate, quorum abbondantemente superato) che sono state chiamate ad esaminare e discutere la relazione del Consiglio direttivo e il bilancio di esercizio del Comitato per le stagioni sportive 2020-2021 e 2021-2022.

Come evidenziato nel corso dell’assemblea, i conti del CR Veneto sono in piena salute nonostante le complessità del biennio Covid. In particolare, la scorsa stagione si è chiusa con un avanzo di gestione di 383mila euro, che ha permesso di sanare il disavanzo di 120mila euro della stagione 2020-2021 (su cui avevano pesato i mancati incassi per i diritti di iscrizione) e di accantonare 263mila euro quale fondo di riserva per i prossimi anni.

“Siamo soddisfatti di questo risultato, abbiamo cercato di amministrare le risorse delle società con la massima oculatezza ed attenzione in un periodo molto difficile – ha commentato il presidente del CRV Giuseppe Ruzza – Oltre che per la gestione economica, siamo contenti perché finalmente l’attività agonistica è ripartita a pieno regime ed è rinato l’entusiasmo nel nostro movimento. Lo vediamo dai tanti inviti ad eventi e manifestazioni che riceviamo, dalla crescita delle presenze degli spettatori e dai numeri dei tesserati, che quest’anno sono tornati ai valori pre-pandemici confermando il Veneto come secondo Comitato regionale d’Italia”.

Ci sono però ancora delle nuvole minacciose all’orizzonte per il calcio dilettanti: “Oggi stiamo vivendo una sorta di seconda ‘pandemia’, quella energetica – prosegue Ruzza – Il caro bollette sta creando delle enormi difficoltà economiche non solo alle famiglie e alle imprese, ma anche alle società sportive. In questo contesto ci preoccupa ancora di più l’imminente entrata in vigore della Riforma dello Sport, che avrà un impatto rilevante sul movimento dilettantistico e giovanile. Mi riferisco al vincolo sportivo, per cui bisognerà trovare degli ammortizzatori seri e concreti, e al lavoro sportivo, a proposito del quale permangono diversi punti da chiarire. Su questi temi abbiamo organizzato un incontro formativo che si terrà sabato 10 dicembre al Novotel di Mestre: tutte le società affiliate al CRV sono invitate a partecipare”.

Hanno portato il loro saluto all’assemblea il consigliere federale per l’area nord LND Florio Zanon, il presidente del CRA Veneto Giovanni Stevanato e il coordinatore regionale del settore giovanile e scolastico Valter Bedin. Al tavolo dei relatori il componente del collegio dei revisori dei conti del CRV Alessandro Bares, il segretario regionale Alessandro Borsetto e Domenico Favero in veste di Presidente dell’assemblea.

Ufficio stampa CRV

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 03/12/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,09676 secondi