Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI AMATORI    

Edizione provinciale di Venezia


Coppa Italia regione Veneto. Caldiero-Mestre 1-1. Rigori 10-9...

La finale ci regala l'extra-time con i tempi supplementari

Vai alla galleria

La finale di Coppa Italia Veneto 2018-19

Caldiero Terme-Mestre 1-1 (tempi supplementari) 10-9 dcr

Caldiero Terme: Fortunato, Vanzetta*** (10' pts Odiwue**), Pisani, Peotta (10' pts Gecchele), Tonolli, Baschirotto***, Baldani*** (2' pts Concato*), Filiiotto, Giovanni Guccione, Viviani, Brumazzi (41' st Braggio, 4' pts Falchetto)

In panchina: 12 Anderloni***, 17 Laperni****,  18 Mezzina*, 20 Maicol Bonetti

Allenatore: Cristian Soave

Mestre: Keber****, Dell’Andrea, Faggin* (1'st Dal Dosso), Ugo, Severgnini, Rivi, Corteggiano, Zambon, Bradaschia (1' pts Siega), Tonolo*** (6' sts De Polo****), Chin (22' st Dalla Via) 

In panchina: 12 Careri, 13 Marcolini, 16 Peron**,   18 Bernardis****

Allenatore: Giampietro Zecchin

Arbitro: Mattia Drigo sez. di Portogruaro

Assistente n° 1: Paolo Fiorese sez. di Bassano del Grappa

Assistente n° 2: Ares Beggiato sez. di Schio

Reti: 3'sts Cacurio, 12' sts Guccione

Note. Pomeriggio soleggiato e freddo, temperatura di 2 gradi, terreno in ottime condizioni, spettatori 1100

Ammoniti: Bradaschia, Chin, Ugo, Dal Dosso, Baschirotto

Recupero: pt 2’ st 4’

(***) under a referto nella finale: *’98, **’99, ***’00, ****’01

Bassano del Grappa. Finale e calci di rigore, il Caldiero trionfa. Cristian Soave alza la coppa dopo l'amarezza patita con il Team S. Lucia Golosine. E’ una finale che nel primo quarto di gioco mostra parecchia titubanza nell’approcciare l’area di rigore. Il disegno tattico evidenza su entrambi i fronti una disposizione che privilegia il 3-5-2.  Il Mestre sceso in campo al completo (unica defezione l'assenza di Brentan) con l’impiego dell’ultimo arrivato Rivi, tiene in panchina Cacurio e il “metronomo” Marcolini. Sul fronte veronese mister Soave è costretto a rinunciare all’uomo cardine dell’attacca giallo-verde, l’estrema destra Zerbato (squalificato) e all’ex Tamai e Legnago, Nicolò Zanetti, l’uomo di sfondamento sostituito da Brunazzi. Per i palati fini la sfida non offre grandi acuti, il gioco ristagna in un lezioso palleggio che fa comodo al Mestre impegnato a studiare l’offensiva scaligera. E’ il Caldiero infatti a fare la partita e la formazione di Soave spinge con brio occupando l’intero fronte offensivo che apre squarcio importante nella retroguardia coordinata da Severgnini. Mestre innocuo al tiro e solo due sprazzi in aggiramento mettono l’allarme al limite dell’area protetta da Fortunato. Le migliori opportunità nei primi 45’le sciupano i termali. Al 27’ veloce rovesciamento di fronte articolato dal Caldiero e la fucilata da posizione defilata centra il palo alla sinistra di Keber.

Al 35’ altra palla gol per l’undici veronese: sul taglio dalla destra, Dell’Andrea  al salto va a vuoto, Giovanni Guccione alla spalle uncina il cuoio e di piatto dal vertice dell’area di porta cerca il palo lungo e Keber con il palmo della mano si allunga tempestivo e sbroglia il pericolo con il pallone che rotola in uscita accompagnato  a fondo campo da compagni di reparto. Ripresa.

Primo cambio della finale. Al rientro in campo, mister Zecchin avvicenda Faggin con Dal Dosso. E' un Mestre più volenteroso e all' 8' è da segnalare l'accasione che Rivi sciupa calciando alle stelle: l'ex attaccante di Legnago e Clodiense servito all'altezza del dischetto del rigore, spalle alla porta lavora il pallone in palleggio, va in torsione e spara oltre la trasversale. E' un Mestre prudente che in più fasi del match si allinea in un 5-2-3 e lascia il pallino del gioco alla formazione di Soave. E' un Caldiero Terme che merita il vantaggio e al 29' il gol sembra fatto: aggiramento sulla destra di Guggiaone centro basso dalla linea di fondo dell'ex bomber dell'Adriese e la girata bassa di Peotta lambisce il montante di un metro. 41' st. Il finale al "Mercante" detta prudenza e anche sulla sonda veronese mister Soave corre ai ripari e alza il muro sulla linea mediana. Esce Brunazzi provato dal gran correre e entra il frangiflutti Braggio. La finale si adagia nel reciproco controllo e lo 0-0 porta le squadra ai tempi supplementari.

3' pts. Sullo slancio e il tifo della torcida arancionera è Dal Dosso a sfoderare il sinistro da posizione ravvicinata che Fortunato argina a guantoni aperti in copertura sul primo palo. Spinge il Mestre e nel riversare l'azione in prossimità dei sedici metri rivali, è sempre Tonolli, il centrale di Soave a sbrogliare i pericoli. al 7' è ancora il centrale veronese a stoppare l'avanzata di Cacurio e compagni. C'è parecchia pigrizia nel portare l'attacco frontale e la difesa scaligera ha sempre la meglio. Il Caldiero tutto barricato nella propria meà campo esce dal proprio guscio al 12' con la fucilata di Concato che Keber argina in volo a due mani. 13' pts.

Il quarto che decide è iniziato all'insegna del fiuto di Cacurio. L'azione del vantaggo arancionero è avviata con lo sfondamento sulla sinistra di Siega, centro basso a servire in uscita l'ex avanti della Clodiense e il destro potente piega le mani a Fortunato. Caldiero-Mestre 0-1.

E' un gol che mette in ginochio il Caldiero Terme che per il gioco espresso, ai punti meglio ha interpretato la finale, sprecando troppo  in fase di finalizzazione. Le assenze nel team di Soave hanno lasciato il segno, ma la finale non ammette deroghe. Ma la balbettante uscita dall'area del Mestre costa il pareggio di Guccione. Siega in uscita palla al piede tarda la verticalizzazione sullo smarcato Cacurio defilato sulla destra. E' una palla da amministrare, Cacurio la perde a contrasto, Guccione servito in area si fa largo sull'assist di Odigwe e di interno destro pesca la base del palo e il pareggio è cosa fatta. Si va ai calci di rigore, la migliore soluzione di una partita che il crescendo del Mestre aveva indirizzato a favore degli arancionero.

Rigori. Viviani (gol), Dalla Via (gol), Falchetto (gol), Rivi (gol), Filiciotto (gol), Sega (gol), Tonolli (gol), Severgnini (gol), Guccione (gol), Cacurio (gol) 5-5, Concato (gol), Dell' Andrea (gol), Gecchele (gol), Ugo (gol), Pisani (gol), Corteggiano (gol), Odigwe (gol), Dal Dosso (Parato).

Galleria fotografica
Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 05/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...












Terza cat. a Nord-Est. Il primato non ha padrone. Juve in prima fila

Nella foto: mister Gorgogline tecnico dela Juventina Mugnai. La Terza categoria a Nord/Est. Riparte Belluno. Tolta la ruggine con la ripresa scandita dal trofeo “Dolomiti”, le 4 big che hanno guadagnato le semifinali  del torneo, puntano a aprirsi la strada che indirizza alla  Secon...leggi
28/02/2019


Sandonà. Il club del Piave solleva dall'incarico Giovanni Soncin...

Cinque sconfite flanti in casa, la clasifica che da qualche settimana fa acqua, il pericolo playout incombente abbinati al pareggio incamerato domenica allo "Zanutto" contro il St. Georgen, l'ultimo esane di riscatto (1-1), sono stati fatali alle sorti e alla panchina di Giovanni Soncin. Il tecnico che nella prima parte della stagione aveva ricevut...leggi
19/02/2019









Mercato Clodiense. Il team lagunare scippa Tattini al Cesena e Forlì

Oggi l'incontro e la firma alla presenza di patron Bielo, domani in campo agli ordini di mister Mario Vittadello. Il nuovo innesto in casa amaranto è il 28enne (domani, giovedì 22 novembre festeggia il compleanno) Marco Tattini attaccante e al tempo stesso trequartista che dopo sei stagioni lascia l'Imolese. Il fanta...leggi
21/11/2018







Promozione D. Il derby del Lemene, un testa coda a rischio...

Nella foto: Stefano Della Bianca, il grande ex, in casacca del Città di Concordia nei trascorsi della serie D. Un derby da incorniciare, è il derby del Lemene…Sabato alle ore 15, 30, la succosa anticipazione a Concordia Sagittaria. E’ un testa-coda dalle mille sfaccettature. Se...leggi
25/10/2018




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,94197 secondi