Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Padova


Giorgio "Ferguson" Favrin, da 22 anni di fila sulla stessa panchina

Allena il Mottinello (in Seconda categoria) del presidente Adriano Turcato. "I ricordi più belli? La vittoria del campionato 2015/2016 e la super rimonta contro il Porto Tolle"

Vai alla galleria

Talvolta capita di dare del “Ferguson” ad un allenatore per la sua lunga permanenza sulla stessa panchina, ma ad avvicinarsi ai 27 anni consecutivi di Sir Alex con il Manchester United (dal 1986 al 2013) nei campionati dilettantistici del Veneto non ci riesce quasi nessuno. Un tecnico sulla buona strada, caso forse più unico che raro, è Giorgio Favrin: da 22 stagioni di fila guida infatti la prima squadra del Mottinello, società di una frazione divisa tra i comuni di Galliera, dove ha la sede, e Rossano.

Classe 1962, Favrin è di Rossano, lavora a Riese ed è tuttora l’unico tecnico nella storia del Mottinello, che attualmente milita in Seconda categoria.
«Quella in corso è la mia ventiduesima stagione consecutiva al timone della prima squadra, comprese le prime tre nelle quali rivestivo il ruolo di giocatore-allenatore. Ho iniziato quando è nata la società, partendo dalla Terza categoria. Al mio fianco ho sempre avuto il presidente Adriano Turcato: quando a fine stagione si tratta di rinnovare, ci basta uno sguardo».

C’è quindi l’intenzione di proseguire?
«Finché ci divertiamo, andiamo avanti. Nel 2022 compirò 60 anni, non ho aspirazioni di allenare in Eccellenza o Serie D. Il mio legame col Mottinello va oltre il calcio, c’è un rapporto umano e di amicizia. Inoltre siamo in pochi in società: se venisse a mancare una spalla, sarebbe dura».

Difficile trovare gli stimoli rimanendo a lungo nello stesso posto?
«Le motivazioni le trovo facilmente, perché prima di tutto viene il gruppo e il divertimento. In fin dei conti siamo dilettanti, gente che lavora, non siamo obbligati a vincere a tutti i costi. Il momento più bello è a fine gara, quando si resta insieme in sede. Il nostro gruppo è molto unito, ogni anno il nostro organico cambia poco rispetto alla stagione precedente. Adesso ho ragazzi giovani, molti nati nel 1998, 1999 e 2000. Il più vecchio è del ‘92».

Ricordi indelebili?
«La vittoria del campionato di Seconda categoria nella stagione 2015/2016 è stata un’esperienza bellissima. Siamo saliti in Prima, cosa mai avvenuta in precedenza per il Mottinello, rimanendoci per due stagioni. Memorabile l’ottavo di finale del 2016 contro il Porto Tolle per il titolo regionale, competizione alla quale partecipano le vincitrici dei gironi di campionato. Stavamo perdendo 1-4 a 10’ dalla fine, oltretutto in inferiorità numerica, ma nel giro di pochi minuti abbiamo vinto 5-4 qualificandoci al turno successivo. Altra gara da ricordare è la vittoria casalinga in campionato, per 4-2, contro la corazzata Luparense in Prima categoria».

Che tipo di allenatore è?
«Nel rettangolo di gioco sono un po’ focoso: se devo dire una parolina, ne dico due. Qualche turno di squalifica dal giudice sportivo l’ho preso».

Carriera da calciatore?
«Ho iniziato a giocare a 14 anni, facendo tutto il settore giovanile del Rossano. In seguito sono passato agli Allievi del Cittadella, quindi il ritorno al Rossano con l’esordio in prima squadra. Dal 1987/1988, per tre stagioni ho vestito la maglia del Ramon allenato da Franco Caon, mentre dal 1990 al 1998 ho giocato con l’ex squadra di Cà Rainati, vincendo anche il campionato di Seconda. Poi è cominciata l’esperienza al Mottinello».

Un suo giocatore fedelissimo?
«Probabilmente l’unico che ha fatto tutto il percorso dai Pulcini alla prima squadra del Mottinello è Andrea Turcato, classe 1984, figlio del presidente e in rosa fino a due anni fa. Ha appeso gli scarpini al chiodo, diventando un nostro dirigente. Potrei nominarne diversi, ma un altro giocatore che ricordo con piacere è Luca Trevisan, del ‘74, bomber da 30 gol a campionato. Ed è originario proprio di Mottinello».

Com’era iniziato questo campionato e come state vivendo la sospensione causata dal Covid?
«Siamo ancora imbattuti nel girone G di Seconda grazie a due vittorie e 4 pareggi dopo 6 giornate. L’attività della prima squadra è completamente ferma dallo scorso ottobre, cioè da quando il Dpcm ha bloccato le competizioni dilettantistiche regionali e provinciali. Fare allenamenti individuali con distanziamento, senza l’utilizzo di docce e spogliatoi, a mio avviso è improponibile, a maggior ragione se ci sono ragazzi che arrivano da 15-20 chilometri. Il Covid comunque non ha scalfito la passione per il calcio. Ci manca la domenica, era sacra: l’ora e mezza prima del fischio d’inizio, la preparazione della partita, i 90 minuti agonistici. Spero che si possa tornare al più presto alla normalità. Per il resto ci si abitua a tutto. Il settore giovanile, invece, si è fermato con gli allenamenti a metà dicembre ma a breve dovrebbe ripartire, ancora a livello individuale e nel rispetto del protocollo sanitario. Per i giovani è fondamentale fare almeno un po’ di movimento».

Ancora qualche anno e Favrin eguaglierà in termini di longevità Ferguson (solo per citare il caso più famoso, ma basta spostarsi a Verona per trovare l'"eterno" Gigi Fresco alla Virtus). Se la passione non tramonterà, perché non puntare poi al record assoluto del francese Guy Roux, che ha guidato l’Auxerre per 43 anni totali fino al 2005, di cui 39 consecutivi. Ad oggi risulta essere il tecnico più a lungo legato ad una singola squadra del calcio professionistico mondiale.

Nella galleria immagini: il presidente Adriano Turcato e l'allenatore Giorgio Favrin (foto da calciovicentino.it).

Galleria fotografica
  • Turcato e Favrin
Print Friendly and PDF
  Scritto da Alberto Zamprogno il 04/02/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Stefano Loverro lascia il calcio giocato dopo 23 stagioni al Monselice

Si chiude un’era. Giornata malinconicamente e nostalgicamente storica per il Monselice, che si vede costretto ad ammainare la sua bandiera più amata: Stefano Loverro (nella foto), capitano di mille battaglie e artefice indiscusso della rinascita del 2014, chiude con il calcio giocato. ...leggi
21/04/2021



Eccellenza. Tre nuovi rinforzi per l'Arcella di mister Tentoni

Aggiornamento di mercato sull'Arcella, in Eccellenza. Ai già noti arrivi dell'attaccante Hakim Calgaro (un ritorno), del centrocampista Mattia Sandrini (entrambi dallo Schio) e del portiere Davide Coppo (dal Longare), vanno aggiunte tre nuove operazioni in entrata a cura del ...leggi
08/04/2021







Eccellenza. L'Abano si ferma: le dichiarazioni del DS Franco Sartori

Le istituzioni continuano a premere per la ripresa del campionato di Eccellenza: nuovo format e date sembrano già nero su bianco, ma ai nastri di partenza non ci sarà l’Abano.La società ha votato per il “no” insieme ad altre diciannove compagini di categoria: ecco le dich...leggi
17/03/2021


San Giorgio in Bosco: "Ci fermiamo oggi, per ripartire domani"

“La nostra società comunica la decisione di non riprendere il campionato di Eccellenza. La richiesta di disponibilità o meno era stata richiesta dal presidente del Comitato Regionale Veneto Giuseppe Ruzza nel corso di una videoconferenza con le 36 società del Veneto. La nostra decisione, &...leggi
13/03/2021


Ammenda al Campodarsego, il ds Maniero non ci sta: "Tutte bugie"

Sabato in Serie D il Campodarsego sfida in trasferta la Luparense. E lo farà senza Annoni, squalificato per due turni dopo l’espulsione nel concitato finale di gara con la Manzanese. Ma non è tutto, perchè la società biancorossa si è vista anche affibbiare un’am...leggi
04/03/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03436 secondi