Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Verona


Coppa Ita Eccellenza. Caldiero Terme, ritagliati una finale da vip...

Nella foto: il Caldiero Terme in campo mercoledì pomeriggio al "Buozzi" di Firenze nella finale di Coppa Italia di Eccellenza.

Coppa Italia amarcord… Il Casarano la vince nell’edizione 2008-9, dieci edizioni fa, ricordi indelebili nel clan rossoblù che in quell’annata fece incetta di trofei assicurandosi il Triplete stagionale: campionato, coppa regione e trofeo Tricolore… I pugliesi la Coppa Italia la alzano al termine della finale vinta allo stadio Flaminio di Roma per 4-0 sugli umbri del Castel Rigore presieduto da patron Cucinelli il re del cachemire. Casarano-Caldiero Terme per un remake pugliese? I messaggi che arrivano dal Sud sono forieri di ottimismo, ma di fronte ci sarà un Caldiero Terme in grado di fronteggiare Di Rito e compagni con il piglio del club vincente. Lo stimolo per rischiare il tutto per tutto arriva dalla conquista anticipata della serie D, un sollievo per i gialloverdi di patron Berti e mister Cristian Soave. Ma a Casarano sono convinti che l’undici di mr. De Candia riuscirà a farcela e riportare in regione un trofeo che lo scorso anno prese la strada del Nord, verso Brunico (Sankt Georgen), il testimonial del Triveneto 2017-18 che schiantò le velleità della Vigor Trani (2-0). In una finale, giocata in campo neutro, i valori a volte si appiattiscono, ma le quotazioni, la forza d’urto e i gol rossoblù la snocciolano il tridente: il fenicottero Di Rito (21 gol) 190 centimetri di muscoli, “Totò” Caputo autore di 15 gol e il secondo esterno d’attacco, Mincica, a segno con 11 palloni nella sacca avversaria. Punta di “riserva” è un certo Agodirin, 36enne attaccante che per 16 stagioni ha spaziato dalla C/1 alla C/2 fino alla serie D che al Nardò lo elevò a mattatore in doppia cifra con 14 reti.  Partendo dalla copertura dei pali, Iuliano è una garanzia. Nelle otto gare della fase finale, il n° 1 rossoblù è rimasto immacolato in 5 partite. Una parte del merito dell’ermeticità pugliese va attribuita all’innesto “vip” nel reparto arretrato composto da due under e dal solido D’Aiello. L’inserimento di Archimede Morleo, ex Bologna, Crotone, Catanzaro, Sora e Carrarese, 384 presenze tra i professionisti è la ciliegina sulla torta rossoblù. Il Caldiero Terme risponde con i 13 gol (in campionato) di Zebato che arrotonda il bottino di coppa con altri 5 gol. E poi non vanno dimenticati i sigilli di Giovanni Guccione, numeri inferiori rispetto al passato, gol puntualmente pesanti e decisivi. E poi a rimorchio c’è sempre un Nicolò Zanetti in grado di piazzare la “saetta” che potrebbe illuminare l’orizzonte. Ma sarà l’equilibrio tattico, l’energia fisica e la corsa di Filiciotto, Peotta, Falchetto e Baschirotto schierati davanti a l’impareggiabile leader, il centrale Tonolli (le ciape tutte mì…) a fare legna e la differenza a pieni polmoni. Casarano-Caldiero Terme in programma al Centro Federale “Buozzi” di Firenze, sarà trasmessa in streaming dal canale della Figc.

Alla vigilia è doveroso riassumere i meriti e i numeri del percorso costruito per dieci mesi dai due sodalizi...

Il Casarano archiviato il doppio successo nella finale sul Corato (1-0 e 2-1 bersaglio nella finale regionale anche della JR) negli ottavi l’ha spuntata sul 2-0 sul G. Val d’Angri e l’ Audax Cervinara.

Più tosto l’impatto nei quarti. Pareggio in casa (1-1) contro il Canicatti e vittoria in Sicilia per 5-3 dcr. Nelle semifinali in doppio turno, successo sul Team Nuova Florida Roma regolata con due verdetti di misura 1-0. 15 i gol realizzati.

La carrellata che snocciola il Caldiero presenta un bottino di 12/5 gol. Alla vittoria nella finale contro il Mestre (1-1) e lotteria dagli undici metri, i gialloverdi (maglia rigorosamente blù…) hanno sbancato Dro (1-0) e pareggiato al “Berti” 1-1 contro il S. Luigi TS.

Negli ottavi di finale al pareggio di Canelli (1-1) è seguito il 3-1 casalingo contro i cuneesi. L’analogo verdetto l’ha raccolto in terra scaligera la Bagnolese (3-1) sconfitta pure nel retour-mach per 1-0. Ora avanti con la finale e il Caldiero Terme ci prova ben sapendo che in Veneto la Coppa Italia non luccica su una bacheca dal 1992-93, quella del FBC Treviso…

Print Friendly and PDF
  Scritto da Flavio Cipriani il 06/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...










Eccellenza. L'Arcella sbatte contro i legni: 1-1 col S. Lucia Golosine

Una gara senza storia e a senso unico: l’Arcella pareggia 1-1 contro il Santa Lucia Golosine, ma è una beffa incredibile perchè in tutto il match i bianconeri sono stati fermati dalla sfortuna, colpendo ben sei legni, e dal portiere avversario.Già nel primo tempo (iniziato con 9′ di ritardo per alzare le po...leggi
16/12/2019

Serie D. Campodarsego in fuga: 3-0 al Legnago e +6 sulla seconda

Serie D, girone C, 16^ giornata Il Campodarsego vola, rifila un tris maestoso alla terza in classifica e allunga in vetta al girone C, per effetto anche della sconfitta del Cartigliano, ora a sei punti di distanza. Una partita in cui la formazione di Andreucci rischia in un primo tempo molto equilibrato, ma poi rulla l'a...leggi
02/12/2019

Eccellenza A. Porte troppo basse: Abano-S. Lucia Golosine non si gioca

Domenica ai limiti del paradossale per l’Abano, che non ha potuto disputare lo scontro diretto per la salvezza con il Santa Lucia Golosine per un problema relativo all’altezza delle porte del campo di Bresseo.Alla segnalazione della compagine ospite, l’arbitro ha provveduto a far misurare la ...leggi
04/11/2019

Serie D. Filippo Strada è un nuovo giocatore del Villafranca Veronese

La societa' Villafranca Veronese comunica di essersi assicurata le prestazioni di Filippo Strada, attaccante classe 1997, figlio d'arte di Pietro Strada, ex calciatore professionista con 426 presenze tra i professionisti e 71 reti. Lo ricordiamo in particolare nelle squadre di Reggiana e Parma allenate da Carlo Ancelotti e oggi Resp...leggi
25/10/2019






Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02954 secondi