Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI AMATORI    

Edizione provinciale di Padova


Eccellenza A. Porte troppo basse: Abano-S. Lucia Golosine non si gioca

Un duro e incessante lavoro sotto la pioggia vanificato per due centimetri

Domenica ai limiti del paradossale per l’Abano, che non ha potuto disputare lo scontro diretto per la salvezza con il Santa Lucia Golosine per un problema relativo all’altezza delle porte del campo di Bresseo.
Alla segnalazione della compagine ospite, l’arbitro ha provveduto a far misurare la distanza tra il terreno e le due traverse: 2 metri e 37 il valore riscontrato, a fronte dei 2 metri e 44 previsti dal regolamento.
La dirigenza neroverde si è così lanciata in una corsa contro il tempo per risolvere la questione: impresa ardua, alla luce del violento nubifragio abbattutosi sul padovano per l’intero pomeriggio.
Una porta è stata sistemata, per l’altra mancavano solo due centimetri: considerati i due centimetri di tolleranza concessi dal regolamento, sarebbe stato sufficiente raggiungere i 2 metri e 42. L’instancabile lavoro dei dirigenti aponensi, aiutati pure da allenatore e capitano, ha permesso di arrivare a 2 metri e 40: sforzi resi purtroppo vani dall’intervento dell’arbitro, che scaduto il tempo limite stabilito dalla Figc ha mandato entrambe le squadre negli spogliatoi.
Ora la palla passa al giudice sportivo, che con ogni probabilità assegnerà la vittoria per 3-0 a tavolino al Santa Lucia Golosine.
«Oggi di sicuro non ha vinto lo sport – il laconico commento del direttore sportivo neroverde Franco SartoriNon ne faccio un’accusa alla squadra avversaria, sia ben chiaro, ma lo sport è tutta un’altra cosa. Le porte sarebbero state più basse per entrambe le squadre, qui nessuno voleva fare il furbo per trarne chissà quale beneficio. Abbiamo lavorato sotto la pioggia in modo incessante per risolvere la questione, sistemando una porta e ultimando quasi anche l’altra. Sarebbe bastato qualche minuto in più per arrivare alla misura di tolleranza, non ci è stato concesso. Con queste condizioni climatiche non abbiamo potuto intervenire con mezzi pesanti, perché far entrare una ruspa o un cingolato avrebbe distrutto il già fradicio terreno di gioco. Abbiamo fatto tutto a mano e stiamo parlando di due centimetri mancanti in un campo di terra e in una porta larga sette metri. Non far disputare una partita per una cosa del genere significa mandare a casa tutti e gettare nel cestino una settimana di sacrifici, lavoro e fatica».

Fonte: ufficio stampa Abano.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Venetogol il 04/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Serie D: Alberto Rubbo è un nuovo "lupo". Le prime dichiarazioni

La Luparense ha annunciato che Alberto Rubbo (a sinistra nella foto) è un nuovo giocatore della Prima squadra in Serie D. Il presidente Stefano Zarattini (a destra), lo staff tecnico e tutta la famiglia dei Lupi danno il loro benvenuto a Alberto, centrocampista/mezzala classe ’89 ...leggi
03/07/2020



Promozione. Staff tecnico confermato in blocco al Monselice

Il progetto tecnico del Monselice Calcio riparte dalla conferma in blocco dello staff. La notizia era nell’aria già da giorni, ma ora c’è anche l’ufficialità: sulla panchina biancorossa ci sarà ancora mister Luca Simonato (in foto), pronto al debutto assoluto in Promozio...leggi
18/06/2020



Eccellenza. Per Max Sabbadin sarà il 7° anno di fila al Pozzonovo

Dopo il rinnovo del direttore sportivo Carlo Marzola, il Pozzonovo 2020/2021 piazza il suo secondo tassello con la conferma in panchina di mister Massimiliano Sabbadin (nella foto).Per l’ex allenatore di Solesinese e Piovese, quella che inizierà nei prossimi mesi sarà la se...leggi
14/06/2020

Moreno Visentin non è più l'allenatore del San Giorgio in Bosco

Il San Giorgio in Bosco ha comunicato che Moreno Visentin non ricopre più il ruolo di allenatore della Prima Squadra.La decisione è arrivata di comune accordo fra la dirigenza e l’allenatore, a cui tutta la società del Calcio San Giorgio in Bosco augura le migliori fortune in ambito persona...leggi
11/06/2020

Il Campodarsego è ufficialmente promosso in Serie C!

La notizia che attendevamo è finalmente arrivata. Il Campodarsego Calcio, per la prima volta nella sua storia, è promosso in Lega Pro ed accede ai campionati professionistici! Un traguardo unico e storico: questo giorno, l’8 giugno del 2020, rimarrà per sempre nella storia e nella bacheca di questo club, c...leggi
08/06/2020

Promozione. Carlo Comacchio verso la panchina del Tombolo V.

Secondo alcune indiscrezioni, Carlo Comacchio (in foto) avrebbe trovato l'accordo per diventare il nuovo allenatore del Tombolo Vigontina in Promozione.Due settimane fa Comacchio aveva lasciato la panchina dell'Eurocalcio 2007, capolista nel girone F di Prima categoria....leggi
29/05/2020

Campodarsego. Pagin festeggia con lo staff: "Ora attendiamo la Figc"

Lo staff tecnico e dirigenziale del Campodarsego ha voluto riunirsi, oggi pomeriggio, per attendere tutti insieme una notizia che può cambiare per sempre la storia del club biancorosso. “Ho voluto qui tutti loro per stare insieme in questo momento”, le parole del presidente Daniele Pagin, “È una cosa ...leggi
22/05/2020

Bassano in Serie D grazie al titolo della Luparense?

Il Bassano sarebbe a un passo dalla Serie D grazie al titolo della Luparense, il cui presidente Zarattini - forse deluso dagli ultimi risultati - avrebbe deciso di fare un passo indietro.A sostenerlo è il sito IlPippoCalcio.it, secondo il quale la trattativa sarebbe ormai in via di defi...leggi
21/05/2020

Futuro campionati: il parere di Mauro Cannoletta e Franco Sartori

Prosegue la rubrica quotidiana dedicata a impressioni, pareri e auspici degli addetti ai lavori in merito all’emergenza Coronavirus "applicata" al calcio. Va precisato che tutti coloro che sono stati interpellati hanno premesso che la cosa più importante è la salute. Trattandosi di uno spazio calcis...leggi
15/03/2020



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07947 secondi